LIBRERIA – “La mia vita in bicicletta” di Margherita Hack

 (21 settembre) TRIESTE – La celebre astrofisica, vicina al confine dei novant’anni, si racconta in un’autobiografia atipica, “in punta di pedali”, prendendo spunto da una sua grande passione, quella per le due ruote, per “pedalare con noi” tutta la sua vita. Nel libro “La mia vita in bicicletta”, edito da Ediciclo editore e con prefazione di Patrizio Roversi, Margherita Hack si racconta narrando la sua vita dai cinque anni (l’età del triciclo e della passione per Binda) a oggi (in cui pedala solo in piano ma sogna di andare su Marte in bicicletta). Una vita in cui la bici fa da collante, una passione, quella per le due ruote, che non muore mai, anzi, sempre più arricchita e rivitalizzata con il passare degli anni.

(LA MIA VITA IN BICICLETTA di Margherita Hack, Ediciclo editore, 2011, 146 pagine, euro14,50)

Abbiamo scelto di riportare, non a caso, un estratto significativo del libro, dove l’astrofisica-ciclista testimonia le prime uscite in bicicletta con Aldo, l’uomo che poi diverrà suo marito per tutta la vita: “… Si passeggiava molto a piedi, Aldo non aveva mai posseduto una bicicletta sua; qualche volta prendeva quella del suo babbo, poi sperimentammo anche quel modo di andare in due sulla mia, che non aveva la canna e quindi, non ricordo bene come, riuscimmo a sistemarci in modo tale che uno pedalava e l’altro teneva il manubrio, e molti che ci vedevano pensavano che fossimo su un tandem. Malgrado la precarietà del sistema non cascammo mai. Per molti anni la bici ritornò a essere un mezzo di trasporto dall’osservatorio a casa, da casa all’università. Lo studio, la laurea, il lavoro da precaria all’osservatorio… il tempo delle belle gite era finito. A febbraio del ’44 ci eravamo sposati. Io mi vergognavo un pò perchè avevo sempre dichiarato la mia contrarietà al matrimonio, che dev’essere un patto fra due persone in cui non deve entrare nè lo Stato nè la Chiesa, ma faceva piacere ai miei, ai suoi soprattutto ad Aldo e così mi rassegnai….” La Hack, nata a Firenze nel ’22, vive dal ’64 a Trieste, ha insegnato all’Università fino al ’97, ha lavorato presso osservatori italiani e stranieri, ha collaborato con l’Agenzia Spaziale Europea, ha pubblicato libri e testi universitari. Non ha mai smesso di pedalare da quando al liceo le avevano regalato la sua prima bicicletta.

Buona lettura !

CICLONOTES 2-2011

  1.  (28 luglio) Successo a Londra per le bici pieghevoli
  2. (3 agosto) Mobilità ciclistica a Udine: previste 4 nuove stazioni di bike-sharing
  3. (6 agosto) Mobilità ciclistica a San Vito al Tagliamento: prevista l’anagrafe per biciclette
  4. (18 agosto) Professionismo friulano: De Marchi protagonista nella Coppa Bernocchi
  5. (25 agosto) Incidente mortale a Reana del Rojale
  6. (26 agosto) Franco Pellizotti ritorna a correre con la Movistar?
  7. (31 agosto) Incidente: ammaraggio di emergenza del CT Paolo Bettini
  8. (3 settembre) 11^ Bicistaffetta nazionale FIAB
  9. (6 settembre) 1^ tappa del Giro di Padania: protesta a Mondovì 
  10. (16-22 settembre) Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, “In città senza la mia auto”

    Esempio di bici pieghevole

 

Leggi tutto “CICLONOTES 2-2011”

Ciclonotes 1-2011

  1. 23 giugno – Il professionista Daniele Colli multato perché al cellulare in bici
  2. 25 giugno – Partenza ritardata ai campionati italiani strada professionisti in Sicilia
  3. 27 giugno – Oro a Samira Todone nei campionati europei master mtb
  4. 29 giugno – Petacchi con la maglia nazionale del Kazakhistan?
  5. 28 luglio – Al Bottecchia di Pordenone i tricolori giovanili: vince Maila Andreotti
  6. 31 luglio –  A Col di Sestriere tricolore downhill nei M1 per il friulano Giorgio Jannis
  7. 1 agosto – Marco Coledan espulso: un ciclista brasiliano non avrebbe voluto dargli il cambio
  8. 2 agosto – La “Riviera del Conero Cycling” propone la “GranfondoAbile” per gli atleti diversamente abili
  9. 2 agosto – Udine: incidente sulla ciclabile “contestata” di via Zanon, una donna finisce a terra
  10. 4 agosto – Squalificato un giovane “furbetto” al Giro del Friuli per amatori Udace: doppio tesseramento

 

Leggi tutto “Ciclonotes 1-2011”

LUTTO – A 101 anni si è spento Attilio Pavesi, oro olimpico nel ’32

1932 Olimpiadi di L.A. Pavesi vince la prova su strada (crono 100 km.)

Nel ’32 il 5° posto a San Vito al Tagliamento gli valse la convocazione azzurra all’Olimpiade di Los Angeles, che poi vinse! Al 100° compleanno il Presidente Napolitano gli consegnò la Medaglia al merito sportivo

(3 agosto) Si è spento all’età di 101 anni Attilio Pavesi, primo campione olimpico del ciclismo strada nel 1932 a Los Angeles nella cronometro individuale sui 100 chilometri. Vinse con il tempo di 2.28’05”, alla media oraria di 40,514. Nella stessa edizione vinse anche l’oro della classifica a squadre con Giuseppe Olmo e Guglielmo Segato. Pavesi nacque a Caorso il 1º ottobre 1910.

Leggi tutto “LUTTO – A 101 anni si è spento Attilio Pavesi, oro olimpico nel ’32”

LUTTO – Tragedia improvvisa al termine di una gara amatoriale: a soli 40 anni muore Andrea Pinarello, figlio di “Nane” ex-maglia nera al Giro d’Italia

Andrea Pinarello in veste cicloamatoriale
(3 agosto) Andrea Pinarello, figlio di Nane, ex corridore professionista e notissimo industriale della bicicletta, si è spento nel corso di una manifestazione ciclistica amatoriale colpito da un infarto. Andrea ci lascia a soli 40 anni mentre praticava lo sport prediletto spinto dalla passione ereditata dal padre, che aveva coltivato sia come praticante sia da dirigente del marketing all’interno della Cicli Pinarello, da anni espressione dell’eccellenza Made in Italy in tutto il mondo.

 

Leggi tutto “LUTTO – Tragedia improvvisa al termine di una gara amatoriale: a soli 40 anni muore Andrea Pinarello, figlio di “Nane” ex-maglia nera al Giro d’Italia”

TUTELA DELLA SALUTE – La FCI rafforza la lotta al doping

(23 giugno 2011) – Ratificata oggi dal Consiglio Federale della FCI la delibera n.30 del Presidente Di Rocco del 30 maggio scorso – Da oggi partecipare ai Campionati italiani, vestire la maglia nazionale o tricolore sarà consentito solo a chi è senza macchia. Nessuna retroattività e nessuna sanzione accessoria come da alcune parti si era ipotizzato – L’opinione dell’ACCPI – Il comunicato ufficiale FCI del 30 maggio scorso.

Leggi tutto “TUTELA DELLA SALUTE – La FCI rafforza la lotta al doping”

CICLISMO & TURISMO

L’opuscolo del Comitato Provinciale FCI di Udine – 14 aprile.

E’ stato presentato nella sala consigliare di Palazzo Belgrado,  sede della Provincia di Udine, l’iniziativa che da alcuni anni si rinnova per legare la bicicletta con il turismo: un opuscolo dove si parla delle zone provinciali che possono essere conosciute in bicicletta, sia da famiglie, sia dagli agonisti. Così trovano posto i territori come il Friuli Centrale e le Risorgive, la Bassa Friulana e la Laguna, il Mare, il Collio Orientale del Friuli e i Colli Morenici, Udine, il Gemonese, la Canal del Ferro, la Valcanale e la Carnia.

Leggi tutto “CICLISMO & TURISMO”

modulo di iscrizione

Egregi,
siamo a proporre una “domenica diversa”.
Una pedalata in amicizia ADATTA a TUTTI:
grandi, piccoli, famiglie, gruppi, associazioni, amanti dell’aria aperta, della montagna, della bicicletta e dell’amicizia.
Una “domenica” sulla pista “CICLABILE ALPE ADRIA” .
Si partirà da Pontebba per raggiungere Tarvisio, tratto non impegnativo di circa 20 km. sosta-ristoro a Ugovizza alla “Vecchia Stazione”.
A Tarvisio gran festa e amicizia con i ciclisti che arriveranno da Villaco (AUT) e Kranjska Gora (SLO).
Pasta-party a TUTTI i partecipanti regolarmennte iscritti.
Rientro nel pomeriggio dopo le estrazioni-premi e festeggiamenti ai ciclisti.
Iscrizioni GRATUITE, con l’apposito modulo per la partecipazione e copertura assicurativa.
Allegato programma e modulo di iscrizione da inviare agli indirizzi indicati, e presentandone copia al punto di ritrovo presso il
PalaGhiaccio di Pontebba.
Con preghiara di divulgare ad amici e conoscenti.
Cordiali saluti.
CICLO ASSI FRIULI
cicloassifriuli@tiscali.net <mailto:cicloassifriuli@tiscali.net>
FAX 0432 522653