MOTOSTAFFETTA FRIULANA: un 2011 “monstre” con 50 manifestazioni servite

Brilla il Giro del Friuli e la tappa dello “scippo” – Un premio encomiabile: la medaglia del Presidente Napolitano

Lo staff della Motostaffetta Friulana nel giorno della tappa al Giro d'Italia che si è conclusa al Zoncolan

E’ stato un 2011 da record per gli aderenti alla Motostaffetta Friulana. Il gruppo attivo nel settore della scorta alle manifestazioni sportive che si svolgono su strada, ha archiviato una stagione “monstre”. “Rotto il ghiaccio nel mese di marzo, con la scorta al Giro del Friuli di ciclismo riservato ai professionisti, è proprio il caso di dirlo, vista la giornata gelida e nevosa” racconta il Presidente Daniele Decorte, “è proseguita con la partecipazione alla Coppa delle Nazioni per rappresentative nazionali Under 23 Terre di Toscana (importante test, in vista dei campionati mondiali di ciclismo in calendario nel 2013).

Leggi tutto “MOTOSTAFFETTA FRIULANA: un 2011 “monstre” con 50 manifestazioni servite”

CICLOCROSS e PISTA – Maglia azzurra per 5 regionali FVG: trasferte a Tabor e a Apeldoorn

Maglia azzurra a Tabor per Luca Braidot (21°), Nadir Colledani e Stefano Debellis – Per gli Europei elite su pista convocati Alessandro De Marchi e Elena Cecchini

Vista aerea della cittadina di Tabor

Domenica 23 ottobre si correrà a Tabor (Repubblica Ceca), la 2^ prova di Coppa del Mondo e il direttore tecnico delle squadre nazionali, Fausto Scotti, nel diramare le convocazioni ha chiamato a vestire la maglia azzurra anche tre corridori regionali, vale a dire l’Under 23 Luca Braidot (Gruppo Sportivo Forestale) che domenica ha vinto la prova del triveneto a Mareno di Piave, e gli Juniores Nadir Colledani (Work Service Brenta), 4° a Mareno di Piave, e Stefano Debellis (Abs Team Danieli). L’appuntamento di Tabor è divenuto un classico nel panorama crossistico internazionale, al punto che nel 2001 si sono disputati i campionati del mondo che hanno visto laurearsi il belga Vervecken, sul ceco Dlsak e l’altro belga De Clercq. Luca Braidot, vicecampione italiano in carica della categoria under 23, dovrà vedersela con i crossisti internazionali più quotati ma non dubitiamo che tutto servirà a fare esperienza e, comunque, non è mai detta l’ultima parola…viste le premesse di Mareno di Piave!

Da venerdì 21 a domenica 23 ottobre il velodromo di Apeldoorn (Olanda) ospiterà i Campionati Europei riservati alla categoria élite uomini e donne, e i CT Dino Salvoldi (Nazionale Donne) e Marco Villa (Nazionale Uomini) tra gli azzurri convocati, visono 2 regionali, vale a dire Alessandro De Marchi Androni Giocattoli – Inseguimento a Squadre uomini – e Elena Cecchini Forno d’Asolo Colavita – Corsa a Punti donne.

CROSS prova di C.D.M. TABOR – UOMINI UNDER 23: 1. Lars VAN DER HAAR (NL) 50’44” – 2. Elia Silvestri (Italia) a 44” – 3. Mike Teunissen (NL) a 47” – 21. Luca Braidot (Italia) a 1’53”

CICLOCROSS – Mareno di Piave: a Luca Braidot la 3^ prova del Trofeo Triveneto

Vittorie di categoria anche per Davide Debellis e Paola Maniago

(domenica 16 ottobre) – Luca Braidot (Gs Forestale) è stato il protagonista del 1° GP Calinferno, terza prova del Trofeo Triveneto di ciclocross, svoltosi alla presenza del C.T. della nazionale Fausto Scotti che aveva convocato alcuni giovani al raduno collegiale di Cimetta di Codognè. Ottima la prova dell’under friulano Luca Braidot, che si è imposto sugli élite Thomas Paccagnella (Work Service Brenta), staccato di 10”, e Rafael Visinelli (Forestale), a 40”. UOMINI ELITE/U23: 1. Luca Braidot (U23, Gruppo Sportivo Forestale) – 1° Under in 53’2; 2. Thomas Paccagnella (El, Work Service Brenta) 1° Elite a 10”; 3. Rafael Visinelli (El, Gruppo Sportivo Forestale) 2° Elite a 40” – ESORDIENTI M 2° ANNO: 1. Davide Debellis (A.S.D. Ciclistica Bujese) in 30’48” – ALLIEVI 2° ANNO: 1. Manuel Todaro (S.C. Cadrezzate) in 31’23”; 2. Moreno Pellizzon (Caprivesi) a 4” – JUNIORES: 1. Stefano Valdrighi (Selle Italia Guerciotti Elite) in 37’44”; 2. Gioele Bertolini (idem); 3. Riccardo Redaelli (D.D. Team Protek Della B); 4. Nadir Colledani (Work Service Brenta) – MASTER W: 1. Paola Maniago (Mw1, Acido Lattico Team) in 41’57” – MASTER: 1. Carmine Del Riccio (M1, Gruppo Sportivo Esercito) in 56’15”; 2. Marco Balberini (Elmt, Scott R.T.A.S.D.); 3. Ivan Pintarelli (M1, Team Bsr) a 14”; 4. Simone Cusin (Elmt, Cycling Team Friuli) a 1’05”

MOBILITA’ – Trento: i risultati di un’indagine su 3720 dipendenti provinciali

I progetti: bike-sharing, intermodalità, uso di mezzi elettrici o a pedalata assistita

(30 settembre) L’indagine è stata realizzata nell’ambito dei progetti finanziati sul fondo per il cambiamento climatico, all’interno di un’azione di promozione della mobilità ciclabile. Lo studio è stato realizzato dal Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento ed è diretto dal professor Carlo Buzzi, in collaborazione con il servizio Statistica della Provincia e con il Servizio Conservazione Natura e Valorizzazione Ambientale che ha fra le sue competenze la realizzazione e la gestione delle piste ciclopedonali.

Leggi tutto “MOBILITA’ – Trento: i risultati di un’indagine su 3720 dipendenti provinciali”

TEAM – La Androni Giocattoli-C.I.P.I. (con De Marchi) campione italiano squadre

(12 ottobre) La Classifica a Squadre premia la prestazione collettiva dei primi tre classificati per formazione e non tiene conto del peso delle vittorie individuali che vanno a formare un’altra classifica internazionale (UCI Europe Tour) condotta da Giovanni Visconti. Il Campionato a Squadre ha la finalità, grazie ad uno specifico accordo con RCS Sport, di premiare con un potenziale invito al Giro d’Italia 2012 la squadra con l’organico più completo e di qualità, selezionato sulla base delle prove del Calendario Italiano.

Leggi tutto “TEAM – La Androni Giocattoli-C.I.P.I. (con De Marchi) campione italiano squadre”

Cicloturistica: sul Monte Matajur

 

Percorso del 30 ottobre 2010

Partenza ore 8.30 – Arrivo ore 17.00
Percorso su strada asfaltata con varie soste
Sono andato con la mitica litorina fino a Cividale. Ho proseguito in bici fino a Ponte S.Quirino, poi Savogna in un saliscendi e per finire la salita di Cepletinchis, che dopo un tratto piano porta alla salita del Matajur.  
L’ho affrontata con la calma, fermandomi a più riprese. Particolarmente duro è stato il tratto finale prima di arrivare al Rifugio Pelizzo, per il meritato sdrudel.
La discesa è stata epica. Ho visto un furgone e non l’ho mollato fino a Savogna, sfiorando le velocità superiori al limite urbano. Ero in trance e mi sono pentito subito dopo…..
Ed era l’ultima uscita del 2010.

Valutazione su

 


.

 

MEMORIAL DE ZAN – Campionato Italiano Ex-Professionisti: vincono Moser (’51), Lucchesi (’31), Rovaletti (’79) e Chiappucci (’63)

Tra i Giornalisti-Ciclisti gli inediti Campioni Lombardi sono Brambilla e Bernardi – Di seguito tutti gli ordini d’arrivo e i Medaglieri dei Mondiali per Ciclisti-Giornalisti: Gabicce Mare 2011 e Assoluto di tutte le edizioni – A Huesca il campionato spagnolo per giornalisti, vinto in volata da Joaquín Calderón

Il podio della gara dei ciclisti-giornalisti

(23 ottobre) La prima gara degli Ex (nati dal ’30 al ’51) è stato un lungo duello durato quasi tutta la gara. Al comando si è portato ben presto un quartetto composto da Giuseppe Passuello (1951), Piermattia Gavazzi (1950), Mario Lanzafame (1949) e Francesco Moser (1951), ma l’alto ritmo ha costretto Lanzafame a desistere. Il terzetto che si è formato ha proseguito fino all’arrivo dove si è assistito ad uno “storico” sprint Gavazzi-Moser: ha prevalso il “Checco” al fotofinish.  Nella seconda gara storia quasi interamente solitaria per Rovaletti, mentre tra i giornalisti (in palio i titoli lombardi) ha prevalso Brambilla su Zanenga, Olmi, Davico e via via gli altri.

Leggi tutto “MEMORIAL DE ZAN – Campionato Italiano Ex-Professionisti: vincono Moser (’51), Lucchesi (’31), Rovaletti (’79) e Chiappucci (’63)”

FORMAZIONE TECNICA – Cinque seminari con il Cus Udine: strada e mtb

Iniziativa del Cus Udine e del centro Medicus – Le materie: fisiologia dell’esercizio, principi e programmazione dell’allenamento, valutazioni funzionali, analisi cliniche e integrazione alimentare.

Claudio Cucinotta nel giorno della sua laurea

Sono in fase di avviamento alcuni seminari di formazione tecnica rivolti a tecnici, atleti, studenti corsi di laurea in Scienze Motorie e Scienza dello Sport, appassionati di ciclismo. Il CUS Udine e Medicus (centro di valutazione funzionale, recupero funzionale e medicina dello sport) organizzano cinque incontri di formazione tecnica e metodologica per il ciclismo. Obiettivi dei seminari: acquisire competenze tecniche specifiche relative a: fisiologia dell’esercizio, principi dell’allenamento del ciclismo, programmazione dell’allenamento del ciclismo, valutazione funzionale del ciclismo, analisi cliniche e integrazione alimentare nel ciclismo.

Leggi tutto “FORMAZIONE TECNICA – Cinque seminari con il Cus Udine: strada e mtb”

CICLOVIE – Progetto Interbike: una ciclovia dalla Slovenia alla Romagna

Sarà realizzato un itinerario ciclabile che attraverserà anche il Friuli-V.G. – Il progetto, presentato a Capodistria, avrà un costo di 3,5 milioni di euro – Si affianca alla ciclovia Eurovelo 8: Cadice-Atene

(10 settembre) Da Kranjska Gora, in Slovenia (a pochi chilometri da Tarvisio) sino a Ravenna, in Emilia-Romagna, passando per le province di Trieste, Gorizia e Udine e per il vicino Veneto. Sarà questo il percorso del nuovo itinerario ciclabile transfrontaliero che le tre Regioni italiane, assieme ai partner sloveni, intendono sviluppare facendo leva su nuovi fondi Ue stanziati con il progetto denominato “Interbike”, complessivamente dotato di circa 3,5 milioni di euro, illustrato nella sua prima conferenza di presentazione il 21 e 22 settembre a Capodistria.

Leggi tutto “CICLOVIE – Progetto Interbike: una ciclovia dalla Slovenia alla Romagna”

Cicloturistica: sull’altipiano di Monte Prat

 

Percorso del 16 ottobre 2010

Partenza ore 9.00 – Arrivo ore 18.00
Percorso su strada asfaltata con varie soste
Sono andato per Tricesimo, Treppo, Buia, Cimano e Forgaria. Ho fatto fatica nelle salite di Treppo e per arrivare a Forgaria, a punto che pensavo di non essere in giornata.
Dopo aver fatto merenda e un pò di riposo, ho intrapreso la salita per l’altipiano. Una bella strada e con una pendenza ragionevole e mi sono trovato a destinazione. 
Ho girovagato un pò lassù prima di affrontare la rapida discesa (occhio ai freni!).
Ho deciso che, visto che stava venendo scuro e non ne avevo più, di prendere un treno a Gemona.   
Pericolosità mediocre al traffico su strada
Valutazione su

 


.