E/U23 – 36° Trofeo ZSSDI a tinte russo-slovene, ma a vincere è Patrick Facchini

Alto ritmo durante tutta la gara che ha evidenziato la fuga del russo Zakarin con un vantaggio massimo di 3′ – Nel finale  molta combattività da parte dei ciclisti sloveni Furdi e Nose, ma a prevalere è l’italiano Facchini

A Longera (TS) il podio del Trofeo ZSSDI : al centro il vincitore Patrick Facchini (Team Impianti Casati), a sinistra il 2° Sergej Rudaskov (Itera Katusha), a destra il 3° Blaž Furdi (Tirol Cycling Team)

(domenica 4 marzo) LONGERA, Trieste – La 36a edizione della corsa ciclistica valida per il Trofeo ZSŠDI si è conclusa con la vittoria del 24enne corridore italiano Patrick Facchini (Team Impianti Casati), il quale è riuscito a raggiungere i due fuggitivi sloveni Blaž Furdi (Tirol) e Tomaž Nose (Adria Mobil) negli ultimi chilometri della gara per giungere primo al traguardo di Longera, dopo 143 km. I 185 corridori che hanno partecipato alla corsa hanno mantenuto una velocità media alquanto elevata. La prima fuga si è verificata nel goriziano, con il russo Zakarin (Katusha) che ha accumulato 40 secondi di vantaggio sul gruppo e 16 sul serbo Hasanovic. Il russo è rimasto in testa fino al primo traguardo volante di Longera (103,1 km), quando il gruppo lo ha raggiunto. Ad un certo punto è riuscito ad accumulare 3 minuti di vantaggio. Poi sono entrati in gioco i corridori sloveni. Sulla discesa che conduce a San Sergio e il Comune di San Dorligo della Valle Furdi e Nose hanno raggunto il russo Mokrov e l’italiano Locatelli. Sulla salita di Chiusa hanno aumentato il loro vantaggio e l’hanno mantenuto fino a un paio di chilometri dall’arrivo. All’inizio dell’ultima e decisiva salita avevano ancora 18 secondi di vantaggio sugli inseguitori, che li hanno raggiunti e superati.

L'arrivo a braccia alzate di Patrick Facchini

Alla fine ha prevalso Facchini che dopo la gara ha detto: “Ho desiderato questa vittoria col cuore. Non è stata una corsa semplice, il ritmo è stato sempre alto. Questa vittoria rappresenta un buon inizio della stagione. Mi auguro di proseguire così.” Durante la corsa alcuni corridori sono caduti, senza conseguenze gravi. – Ordine d’arrivo 1. Patrick Facchini (Team Impianti Casati) 143 km. in 3h 24′ 25”, media  41,973 km/h. – 2. Sergej Rudaskov (Itera Katusha) a 1” – 3. Blaž Furdi (Tirol Cycling Team) a 3” – 4. Marko Kump (Adria Mobil) a 4” – 5. Riccardo Zoild (Wels Gourmetfein) – (fonte: gruppo organizzatore)

E/U23 – Trofeo ZSSDI: le indicazioni di gara e le modalità di chiusura delle strade

Evitare la strada costiera e l’abitato di Barcola dalle 12.30 fino alle 13.45 per non creare ingorghi al traffico

La partenza ufficiosa della 36° edizione del Trofeo dell’Unione dei circoli sportivi sloveni in Italia (ZSŠDI) sarà data a Longera-Lonjer alle 13.00, mentre quella ufficiale a Barcola-Barkovlje alle 13.15. Si invita quindi gli automobilisti ad evitare la strada costiera e l’abitato di Barcola dalle 12.30 fino alle 13.45 in modo da non creare ingorghi al traffico.

Leggi tutto “E/U23 – Trofeo ZSSDI: le indicazioni di gara e le modalità di chiusura delle strade”

DONNE – Trasferta sfortunata per Elena Cecchini al Tour of New Zealand

(28 febbraio)  Sfortunata Elena Cecchini che è rimasta coinvolta in una caduta nel corso della seconda tappa. Per lei una forte botta alle ginocchia, una profonda escoriazione al fianco ed una al braccio, oltre a diverse ferite al volto. Con grande determinazione e forza di volontà ha portato al termine la tappa, ma dopo aver tagliato il traguardo è stata trasportata in ospedale per accertamenti e il giorno successivo si è dovuta arrendere. Un secondo, un quarto e un quinto posto nelle tappe e la 16^ posizione in classifica generale: si conclude così la trasferta in terra neozelandese, con la maglia della nazionale italiana, per le ragazze del team giallo-fluo MCIpollini – Giambenini – Gauss. Monia Baccaille e Tatiana Guderzo hanno tenuto alti i colori azzurri con buone prestazioni durante tutte le cinque giornate di gara. (fonte: MCipolliniGiordanateam)

PROF. – Sabato 3 marzo ci sono le “Strade Bianche” anche per Cimolai

Atmosfera esclusiva per la corsa toscana in programma sabato 3 marzo, con partenza da Gaiole in Chianti e arrivo, dopo 190 km, a Siena in Piazza del Campo. A dare battaglia negli 8 tratti di sterrato che caratterizzano le Strade Bianche ci saranno anche gli atleti della Lampre-ISD: diretti da Sandro Lerici col supporto di Fabrizio Bontempi, correranno Buts, Cimolai, Graziato, Dmytro Krivtsov, Malori, Mori, Niemiec e Viganò. “Non partiamo come favoriti, ma abbiamo le nostre risorse per poter ben figurare – ha spiegato il ds Lerici – Niemiec avrà la possibilità di far valere le sue doti sugli impegnativi strappi della corsa, Mori conosce bene i percorsi teatro della corsa e Buts ha già dimostrato una certa confidenza con lo sterrato. Anche Cimolai, il potente Malori, Dmytro Krivtsov e Viganò avranno certamente modo di rendersi utili per la squadra“. (fonte: team Lampre ISD)

E/U23 – A San Michele di Piave straordinario avvio per Andrea Magrin

L’atleta vicentino sorprende meritatamente tutti, grazie anche alla compagnia di Moresco (Generali Idea Ballan F.Coppi Gazzera) – Nel Cycling Team Friuli “rientrano” dopo due anni Buttazzoni (oggi 10°) e Ciccone

VIDEO : http://www.youtube.com/watch?v=3B9as9p-afI&feature=player_embedded

Andrea Magrin

(sabato 25 febbraio)  San Michele di Piave (TV) – Il 19° Memorial Polese organizzato dal Team 2000 Veneto Marchiol ha aperto la stagione su strada èlite–under 23 nel Veneto. Con una fuga scattata appena dopo 2 km dal via, Andrea Magrin (Cycling Team Friuli) e Mattia Moresco (Generali Videa Ballan F.Coppi Gazzera) hanno mantenuto testa al gruppo sino agli ultimi metri, quando il gruppo allungatissimo verso lo sprint ha raggiunto Moresco solo in prossimità della linea d’arrivo. La fuga era viaggiata “in tandem” in perfetto accordo, mettendo ben presto tra loro ed il gruppo inseguitore un buon vantaggio che ha avuto il massimo al 40°km. con 4’30”. Da quel momento in poi il gruppo aveva alternato le squadre all’inseguimento, ma evidentemente il lavoro in testa al gruppo non deve essere stato facile per annullare i due atleti che stavano viaggiando in un entusiasmante “cronocoppie”.

Leggi tutto “E/U23 – A San Michele di Piave straordinario avvio per Andrea Magrin”

A.G.C.I. – Trofeo Campagnolo: il calendario 2012 delle gare in terra italiana

In Piemonte i Campionati MTB, nel Trentino la STRADA, nel Lazio la CRONO e la COPPA DELLA STAMPA – Rimane in Emilia, nel classico appuntamento settembrino di Medicina, la CRONOCOPPIE
 
Eugenio Capodacqua (La Repubblica - www.sportpro.it)

(25 febbraio)  – In Italia anche quest’anno il Trofeo Campagnolo affiancherà le gare dell’Associazione Giornalisti Ciclisti Italiani (AGCI) che sono:

3 giugno – Campionato italiano MTB – Cerano (NO) – in concomitanza con la 4a Ticino Bike (organizzazione Romagna) 
17 giugno – Campionato italiano – Pergine Valsugana – in concomitanza con la settimana tricolore (organizzazione Calovi) 
23 giugno – Campionato italiano a cronometro – Rieti – in concomitanza con la Due Giorni della Sabina (organizzazione Prandi)
24 giugno – Coppa della Stampa – Rieti – in concomitanza con la Due Giorni della Sabina (organizzazione Prandi)
8 settembre – Cronocoppie – Medicina (organizzazione S.C. Medicina – Ronchi) per le quali verranno fornite notizie più avanti.
L’organizzazione dei mondiali 2012 che si svolgeranno nell’isola greca di Creta è partita e si possono trovare notizie su questo sito : www.wpcc-crete.com.
Buone pedalate a tuttiRoberto Ronchi 

MONTE LUSSARI e ISTITUTO BACHMANN: “Studio e Sport allenano alla Vita”

Un gruppo di giovani ciclisti della Federciclismo, accompagnati da collaboratori e dirigenti delle società  sono saliti al Monte Santo del Lussari per la “Messa del Ciclista”

(domenica 26 febbraio) L’iniziativa, voluta ed organizzata dal Comitato Provinciale di Udine della Federazione Ciclistica , è ormai divenuta una tradizione che vede ritrovarsi a Monte Lussari atleti e sportivi alla vigilia dell’inizio della stagione sportiva. 

Leggi tutto “MONTE LUSSARI e ISTITUTO BACHMANN: “Studio e Sport allenano alla Vita””