CICLISMO & TURISMO

L’opuscolo del Comitato Provinciale FCI di Udine – 14 aprile.

E’ stato presentato nella sala consigliare di Palazzo Belgrado,  sede della Provincia di Udine, l’iniziativa che da alcuni anni si rinnova per legare la bicicletta con il turismo: un opuscolo dove si parla delle zone provinciali che possono essere conosciute in bicicletta, sia da famiglie, sia dagli agonisti. Così trovano posto i territori come il Friuli Centrale e le Risorgive, la Bassa Friulana e la Laguna, il Mare, il Collio Orientale del Friuli e i Colli Morenici, Udine, il Gemonese, la Canal del Ferro, la Valcanale e la Carnia.

L’assessore provinciale Mattiussi ha ricordato i 400 km. di piste cicl abili già realizzate e transitabili come le tratte Moggio-Tarvisio e Palmanova-Grado anche se quest’ultima sarà definitivame>nte ciclabile solo questa estate. Enzo Cainero ha informato il grande impegno televisivo, 10 ore, che vedrà in diretta la tappa del Giro d’Italia con arrivo sul Monte Zoncolan, una lunga diretta televisiva che pubblicizzerà anche le cima del Crostis. Un grande ringraziamento ai volontari e una prossima sfida per ricercare la promozione sportiva e ciclabile nelle scuole. Aldo Segale, Presidente Provinciale della FCI, dal canto suo ha valorizzato le potenzialità degli itinerari agroalimentari, le possibilità di emozionare il turista, una terra friulana di alto valore e di storia ciclistica che la FCI sta attualizzando con un chiaro obiettivo in ambito provinciale. “Serve coinvolgere i ragazzi – ha detto Segale – a partire dalle scuole primarie e secondarie e questo opuscolo è uno strumento per diffondere i nostri valori sportivi e territoriali, un opuscolo diretto anche ai Comuni per dare impulso e importanza alla sicurezza stradale e garantire una maggiore simbiosi con il turismo e con a veicolizzazione privata.” Silvano Parpinel, Presidente Provinciale CONI, ha ribadito i valori del ciclismo storico, uno sport maggiormente diffuso in una passata epoca “quando c’erano pochi stadi ma molti ciclisti. Un ciclismo popolare.” Il Presidente della Promotur, Stefano Mazzolini ha invece di fronte la volontà a diffondere la vocazione turistica della montagna, un territorio da far conoscere, uno Zoncolan portatore di nuovi interessi, non solo invernali, un polo attrattore di nuovi turisti legati anche all’utilizzo estivo in bicicletta. Segale ha chiuso elegantemente la presentazione con l’invito contenuto nell’opuscolo: “Arrivederci in Friuli per pedalare, applaudire il ciclismo e vivere i colori, i sapori e l’atmosfera della Provincia di Udine.”

Giorgio Del Fabbro