CICLONOTES 2-2012

Nuove ciclabili nei Comuni di Gemona, San Giovanni al Natisone e Fiumicello – “Impallinati” nel trevigiano ciclisti di primo piano in allenamento – La diffusione in Italia del bike-sharing –  Ciclista travolto al Passo Rolle da un cervo – Viabilità: sarà sistemata la strada che da Attimis sale a Porzus – La Cassazione conferma: chi va in bici ubriaco è punibile penalmente –  Prima vittoria da professionista per il bulgaro Yovchev, ex Cycling Team Friuli – Le bici della Parigi-Roubaix – Una squadra cinese al Giro dell’Appennino domenica 15 aprile – Resistere, pedalare, resistere, percorsi di liberazione

  1. (9 gennaio) – Nuove ciclabili nei Comuni di Gemona, San Giovanni al Natisone e Fiumicello – Sono tre le piste ciclabili da realizzarsi ex-novo che riceveranno i contributi messi a disposizione dalla Provincia di Udine per un totale di trecentonovantacinque mila euro. Duecentocinquantadue mila euro sono stati riservati al progetto della ciclovia presentato dal Comune di Magnano in Riviera che si è fatto promotore, anche per conto dei Comuni contermini di Gemona, Artegna e Tarcento, della realizzazione di una ciclabile di collegamento tra queste località della fascia pedemontana; 74 mila euro, invece, sono state destinate al Comune di San Giovanni al Natisone che intende realizzare una pista ciclabile nel tratto della zona industriale “La Brava” nella frazione di Medeuzza; un contributo pari a 69 mila euro, infine, verrà devoluto al comune di Fiumicello per la realizzazione di una bretella di collegamento alle ciclabili San Lorenzo-Aquileia e San Lorenzo – Palazzatto.
  2. (25 febbraio) – “Impallinati” nel trevigiano ciclisti di primo piano in allenamento – I protagonisti, o meglio le vittime di questo inspiegabile espisodio, sono nomi di primo piano nel panorama del movimento ciclistico trevigiano: i professionisti Sacha Modolo e Marco Coledan e i promettenti dilettanti della Trevigiani Dynamon Bottoli Massimo Coledan (fratello di Marco), Andrea Dal Col e Mattia Mosole. Mentre i ciclisti stavano pedalando tranquilli vicino al Montenero, zona Ogliano, un’Alfa Gt nera con cerchi in lega che proveniva dalla direzione opposta ha rallentato e dal suo interno qualcuno ha esploso alcuni colpi con una pistola ad aria compressa. Erano pallini di gomma (in realtà le vittime sostengono che fossero di acciaio bianco) che hanno colpito Marco Coledan al ginocchio e Mattia Mosole al braccio. I colpi hanno trapassato almeno un paio di strati dei loro indumenti e quindi potevano fare ancor più male se avessero colpito qualche parte del corpo meno coperta o più delicata.
  3. (16 marzo) – La diffusione in Italia del bikesharingIn Italia il bike sharing si sta diffondendo molto più che in altre realtà europee, ma a macchia di leopardo, con sistemi differenti tra loro, a chiave meccanica o tessera elettronica, pensati in alcuni casi per rispondere alle esigenze dei cittadini residenti e dei pendolari delle grandi città; in altri, ad esempio, per offrire un servizio aggiuntivo ai turisti. E’ già attivo in più di 160 città, alle quali si stanno pian piano aggiungendo altre esperienze finanziate dal Ministero dell’Ambiente, che prevedono anche l’utilizzo di biciclette elettriche a pedalata assistita.
  4. (18 marzo) – Ciclista travolto al Passo Rolle da un cervo –

    Le Pale di San Martino viste dal Passo Rolle

    Brutta avventura per un turista in vacanza a Moena è stato travolto da un cervo, mentre in sella alla sua bici da corsa stava pedalando lungo la statale del Passo Rolle. L’incidente è avvenuto nel pomeriggio sulla strada che porta al bivio per il Passo Valles. Il turista è stato preso in pieno dall’animale saltato da un muraglione a lato della carreggiata riportando un trauma ed è stato trasportato in elicottero all’ospedale Santa Chiara di Trento.

  5. (20 marzo) – Viabilità: sarà sistemata la strada che da Attimis sale a PorzusIn vista del riconoscimento a monumento nazionale e dell’imminente visita del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la Provincia di Udine ha concesso i fondi richiesti dall’amministrazione comunale di Faedis per la sistemazione complessiva della viabilità terminale di accesso alle malghe di Porzûs. Si tratta di 45 mila euro che serviranno per completare gli interventi di ribitumatura e risanamento della sede stradale nei tratti in cui l’asfalto è completamente degradato sulla strada comunale fra Bocchetta di S. Antonio e il bivio di Porzûs.
  6. (22 marzo) La Cassazione conferma: chi va in bici ubriaco è punibile penalmente – Alcol: niente sconti per chi va in bici. È il succo della sentenza della Cassazione su un episodio accaduto un paio d’anni fa a Milano: parliamo dell’ordinanza 10684 del 29 novembre 2011, pubblicata il 19 marzo 2012. Riguarda un uomo che circolava in bici ubriaco: dopo essere stato punito penalmente, ha fatto ricorso fino in Cassazione, vedendosi sempre respingere l’opposizione.
  7.  (7 aprile) – Prima vittoria da professionista per il bulgaro Yovchev, ex Cycling Team Friuli– A Città del Messico il ventunenne talento bulgaro Yovcho Yovchev ha vinto la prima tappa della 52° Vuelta Internacional de la Ciuidad de Mexico. Sul traguardo della capitale messicana il portacolori di Amore & Vita ha regolato allo sprint i messicani Josè Robledo ed Uriel Chavez, regalando così la seconda vittoria stagionale al team dopo quella di Uri Martins. Ricordiamo che Yovchev da Under 23 era tesserato sino all’anno scorso con il Cycling Team Friuli.
  8. Cimolai impegnato alla Parigi-Roubaix

    (8 aprile) – Le bici della Parigi-Roubaix Tutti i corridori della Lampre-ISD hanno utilizzato ruote a raggi a 32 fori con tubolari Vittoria da 23″ per pavè, gonfiati posteriormente a 6,5 atmosfere e anteriormente a 6 atmosfere. Per evitare forature, i meccanici hanno spruzzato nei tubolari il prodotto Pit Stop Vittoria. Tutti gli atleti blu-fucsia hanno utilizzato telai Wilier speciali, con carro posteriore più lungo e passaggio dei foderi più largo.

  9. (11 aprile) Una squadra cinese al Giro dell’Appennino domenica 15 aprile – La Champion Systrem Pro per la prima volta partecipa ad una corsa in linea europea. Sarà una delle 19 squadre al via: cinque italiane e ben 14 straniere.
  10. (11 aprile) Resistere, pedalare, resistere, percorsi di liberazione – In occasione del 25 aprile, anniversario della liberazione dell’Italia dall’occupazione dell’esercito tedesco e del governo fascista, avvenuta nel 1945, si rinnova l’appuntamento delle associazioni FIAB con “Resistere pedalare resistere, percorsi di liberazione”,  giunta alla terza edizione. L’iniziativa, nata alcuni anni fa per opera di alcune associazioni FIAB, ha carattere nazionale e da alcuni anni  gode del gradimento anche dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia). Sul sito FIAB, alla pagina http://www.fiab-onlus.it/resistere.htm il calendario delle iniziative in Italia.