24 GIUGNO: “EVENTO RIPARATORE” TUALIS-MALGA CHIADINAS

Da Tualis la salita in bicicletta e pranzo a Malga Chiadinas, dove sarà  allestita una tenda da 200 posti – Giornata riparatrice alla tappa del Giro d’Italia che il 21 maggio includeva la “Panoramica delle Vette” (Monte Crostis) ma che non è stato possibile percorrere.

 
 
 
PROGRAMMA DELLA GIORNATA
ORE 10.00 – Ritrovo in Piazza a TUALIS che si raggiunge via Ovaro\Comeglians –  ORE 10.15 – Inizio della salita per cima Monte CROSTIS ove c’è il cippo dedicato ai Donatori di Sangue a cui dare giusto riconoscimento – ORE 10.45 – Arrivo in cima per quelli che si muovono in auto – ORE 11.15-11.45 – Arrivo per quelli che partiranno in bicicletta – Probabile utilizzo in Malga Chiadinas delle docce e tutta l’assistenza logistica per chi ha percorso il tragitto in bici ORE 12.30-13.00 – Pranzo in Malga secondo menu predisposto dall’organizzazione. Eventuali esigenze saranno gestite sul posto – ORE 14.30-15.00  – Fine pranzo
Il comunicato dell’Assessorato regionale FVG riguardante le variazioni alla tappa Lienz-Monte Zoncolan
Trieste, 21 mag -”Quanto il tragitto del Crostis sia un percorso amato lo stanno dimostrando i tantissimi sportivi che oggi continuano ad affollare la vetta di questo monte nonostante i commissari Uci abbiano deciso di non far percorrere ai ciclisti il tratto della tappa del giro d’Italia”. ”Ed è per questo motivo – annuncia l’assessore allo Sport del Friuli Venezia Giulia, Elio De Anna – che, in onore di chi ama questo sport rispetto a quanti pensano solo ed esclusivamente alla tutela della propria immagine, la Regione, in collaborazione con la Comunità montana e il project manager Enzo Cainero, hanno in mente di dare vita quanto prima ad un grande evento in questo teatro unico nel suo genere. Lo scopo – aggiunge De Anna – è quello di ripagare il grande pubblico dal mancato svolgimento di una tappa a dir poco spettacolare, che sotto il profilo della sicurezza non mostrava alcun tipo di lacuna”. È questa la posizione della Regione Friuli Venezia Giulia, illustrata da De Anna e confermata dal presidente Renzo Tondo, nel giorno in cui il Giro da forfait al Crostis per deviare il suo percorso su altra strada prima di chiudere la tappa sotto il traguardo dello Zoncolan. De Anna, che insieme a Tondo ha compiuto questa mattina un sopralluogo al percorso, non vuole gettare al vento un patrimonio che è prima di tutto degli sportivi e di quanti amano la montagna. Ed è per questo motivo che è già scattata la progettazione di un altro evento di grande spessore, che potrebbe concretizzarsi ad esempio in una gran fondo o una prova di mountain bike. ”Nell’arco di tutta la giornata – spiega De Anna – nonostante fosse noto il cambio di percorso, continuavano ad affluire sul Crostis tantissimi ciclisti che volevano apprezzare in sella alla loro bici questo meraviglioso tracciato che gli organizzatori avevano preparato e sistemato ottimamente. Non c’è voluto molto per convincerci che un patrimonio di questo tipo, unico del suo genere ed altamente spettacolare, non può e non deve essere gettato al vento. Per cui, appena calerà il sipario sulle tappe del Giro in Friuli Venezia Giulia, ci metteremo subito all’opera per dare vita ad un grande evento che rappresenti una vera riscossa nei confronti di chi non ha creduto nel grande lavoro del comitato organizzatore”