De Marchi nel 2021 alla Israel Start-Up

2018 La vittoria di Alessandro De Marchi (Foto Sirotti)

Il professionista di Buja, Alessandro De Marchi, nel 2021 entrerà a far parte della Israel Start-Up Nation, per due anni. Lo aveva annunciato al 15 settembre il sito ufficiale del team, secondo cui lo scalatore friulano dice di non vedere l’ora di affrontare le sfide che un cambiamento completo può portare, forse ciò che stava davvero cercando, qualcosa di cui sentiva il bisogno. 

“Siamo lieti di aggiungere un pilota potente come Alessandro De Marchi al nostro roster. L’esperienza e la versatilità di Alessandro rafforzeranno la squadra forte che stiamo costruendo. Può scalare e cronometrare bene, il che ci dà ulteriore forza per i Grand Tour e altre gare WorldTour “, ha detto il co-proprietario del team Sylvan Adams. “Benvenuto Alessandro a ISN.”

De Marchi ha corso 12 Grand Tour e ha vinto tre tappe della Vuelta a Espana, oltre a una vittoria al Giro dell’Emilia. Di recente ha corso per il CCC Team.

“ISN ha presentato obiettivi stimolanti per la squadra e per me – questo mi dà molte nuove motivazioni. E penso che sia fondamentale nello sport puntare a obiettivi chiari “, ha detto Alessandro. “Come sempre, mi vedo prima come un domestique, e secondo come un giocatore libero quando ne ho la possibilità. Mi piace gareggiare in modo aggressivo e giocare le mie carte in fuga, specialmente durante le gare a tappe e i Grand Tour “.

Sa che c’è sempre spazio per lo sviluppo. “Sento di poter ancora migliorare in alcune aree. L’anno scorso ho iniziato a concentrarmi molto sulle capacità di cronometro, e questo è qualcosa con cui voglio continuare. Voglio anche partecipare alle Olimpiadi per la seconda volta e vorrei chiudere il cerchio della vittoria di una tappa in ogni Grand Tour “.

Entrare a far parte del team israeliano gli offre non solo una nuova sfida, ma anche “una buona opportunità per cambiare completamente… Mi rendo conto ora che forse era qualcosa che stavo davvero cercando, qualcosa di cui avevo bisogno. Il cambiamento ti porta sempre qualcosa di buono. “

Secondo il team manager Kjell Carlström, “Alessandro è un grande pilota che può davvero rafforzare la squadra. Aiuterà nei Grand Tour e in altre grandi gare, oltre a ottenere risultati personali dalle fughe. Lo vedo come un pilota chiave che sarà ancora lì a lavorare per la squadra, anche nella seconda e terza settimana di un Grand Tour, quando c’è molta arrampicata. Li manterrà in posizione o lavorerà per proteggere la maglia di un leader, se dovessimo averne una. Certo, in passato ha dimostrato di essere anche un grande pilota in fuga, che può puntare alla vittoria. Va bene anche nelle gare di un giorno, come le classiche delle Ardenne “.

fonte: sito ufficiale Israel Start-Upo Nation