L’invito dell’ACCPI ai ciclisti professionisti

Un responsabile e accorato invito a tutti i professionisti italiani

Mercoledì 18 marzoCristian Salvato, presidente dell’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani (ACCPI) ha mandato a tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria questa lettera.

Cari ragazze e ragazzi, come avrete letto i provvedimenti per combattere il coronavirus stanno diventando sempre più restrittivi. Nel nostro paese attualmente SOLO i corridori professionisti e gli atleti di interesse olimpico sono autorizzati a uscire da casa per allenarsi su strada. Visto che avete la fortuna di avere questa deroga per svolgere il vostro lavoro (non è scontata, in Spagna per l’emergenza in corso ai vostri colleghi già non è permesso pedalare su strada) vi consigliamo di: – uscire ad allenarvi da SOLIdi preferire strade secondarie – di percorrere più o meno sempre gli stessi percorsi così che le pattuglie delle forze dell’ordine, riconoscendovi, non vi fermino più volte. Per i nostri associati residenti all’estero consigliamo di informarsi con le autorità locali per rispettare le norme vigenti nel paese in cui si è residenti, e nel caso abbiate bisogno contattateci pure che ci informeremo con il sindacato del luogo. Vi ringraziamo per l’opera di sensibilizzazione di cui vi state facendo promotori attraverso i media e i social, continuiamo a invitare gli amatori a restare a casa e a rispettare le disposizioni governative. È fondamentale per la salute pubblica e perché tutti noi possiamo tornare alla normalità quanto prima.

Un abbraccio. Cristian il vostro presidente

(fonte : sito ufficiale ACCPI www.accpi/news 18 marzo)