Bronzo mondiale per Jonathan Milan

Mondiali pista a Berlino – Prova di grande maturità per il 19enne del Cycling Team Friuli nell’inseguimento a squadre ai Campionati del Mondo su pista.

Il mio obiettivo era scendere sotto i 4’10, arrivare alla sfida per il bronzo è stata una bella e inattesa opportunità. Ho provato a vincere una medaglia, ma va bene così”.

Il podio iridato Inseguimento a Squadre (in 2^fila Milan, alla sinstra di Ganna)

L’Italia del pedale stupisce il mondo e la prova di Jonathan Milan venerdì 28 febbraio al Velodromo di Berlino fa brillare gli occhi a tanti osservatori della pista internazionale: il giovane 19enne friulano, che veste i colori del Cycling Team Friuli, è il più giovane del podio finale del Campionato del Mondo dell’inseguimento a squadre maschile di Berlino.

“Mercoledì è stato spettacolare e lo è stato anche ieri. Questo per me è un punto di partenza, una grande esperienza che sarà difficile dimenticare” ha commentato, subito dopo la premiazione, Jonathan Milan.


Nella disciplina regina della pista, la nazionale che più ha messo in difficoltà la Danimarca, laureatasi campione del mondo, è stata proprio l’Italia con il quartetto di cui fa parte a pieno titolo Jonathan Milan. Dopo la qualificazione, infatti, nello scontro diretto gli azzurri hanno fatto segnare mercoledì uno straordinario 3’46″513 che vale il record italiano e che migliora il precedente record mondiale ulteriormente ritoccato, in contemporanea, dai danesi che sono scesi a 3’46″203.

Nella finale per il bronzo, lo stesso quartetto azzurro, composto da Consonni, Ganna, Lamon e Milan, ha avuto la meglio sui rivali dell’Australia aggiudicandosi così il terzo posto ai Campionati del Mondo ad appena cinque mesi dall’appuntamento olimpico di Tokyo 2020. Da segnalare che nella finale per l’oro la Danimarca ha ulteriormente abbassato il record mondiale portandolo a 3’44″672. Grande entusiasmo anche nel clan del Cycling Team Friuli per questa medaglia di bronzo che certifica la crescita di Jonathan Milan e la sua piena maturazione anche in campo internazionale come sottolineano le parole del ds Renzo Boscolo“In questa settimana di stop forzato dell’attività su strada qui in Italia abbiamo potuto seguire da vicino le straordinarie prestazioni di Jonathan Milan. Si tratta di un risultato che ci da ulteriore entusiasmo e fiducia nel progetto che da anni stiamo portando avanti con tanti giovani talenti che hanno dimostrato di avere la stoffa per scrivere pagine importanti per il futuro del ciclismo italiano. Voglio complimentarmi altresì con il ct Marco Villa per questo importantissimo risultato che ha premiato la fiducia riposta su Jonathan Milan: una scommessa che a Berlino è diventata una splendida realtà”.

fonte e foto: comunicato CTF