GIRO ROSA ICCREA alla Van Vleuten

Domenica sul Colle del castello di Udine l’ultima tappa è della francese Marianne Vos (4^vittoria al Giro 2019).

La francese VOS al colle del Castello di Udine

Sabato all’Altopiano del Montasio il testa-a-testa tra due fortissime cicliste olandesi: a prevalere all’ultimo chilometro è la campionessa del mondo Van der Breggen sulla maglia rosa Van Vleuten.

La Van der Breggen all’Altopiano del Montasio (foto Ossola)

Venerdì a Maniago la tappa proveniente da Vittorio veneto è stata vinta in solitaria dall’inglese Elizabeth Blansk.

CLASSIFICA GENERALE FINALE: 1^Annemiek Van Vleuten – 2^Anna Van der Breggen – 3^Amanda Spratt –  4. Ashleigh Moolman – Pasio –  5. Katharine Hall –  6. Katarzyna Niewiadoma –  7. Lucinda Brand –  8. Elisa Longo Borghini –  9. Soraya Paladin –  10. Erica Magnaldi

L’olandese Van Vleuten con il trofeo del GIRO ROSA

Continua la cronaca delle tappe

Per il secondo anno consecutivo è la fuoriclasse olandese della Mitchelton – Scott la vincitrice del Giro d’Italia Internazionale Femminile – Giro Rosa Iccrea. Una cavalcata vincente per Annemiek Van Vleuten iniziata in Valtellina nella tappa conclusasi ai Laghi di Cancano/Valdidentro e proseguita il giorno successivo nella cronoscalata Chiuro-Teglio, sempre in Provincia di Sondrio. Nella tappa vicentina la 36enne olandese si è gestita al meglio e ha fatto lo stesso il giorno dopo nella Vittorio Veneto – Maniago, per poi dare il colpo di grazia sulla salita del Montasio, seppur superata da una scatenata Anna Van der Breggen all’arrivo. L’arrivo di Udine, in cima allo strappo in pavè del castello, è stato per lei la passerella conclusiva, mentre è arrivato il quarto successo di tappa per Marianne Vos (25° in carriera al Giro), battendo Lucinda Brand (Team Sunweb) e la belga Lotte Kopecky (Lotto Soudal Ladies).

Oltre alla Maglia Rosa “Gruppo Cooperativo Bancario Iccrea”, Annemiek Van Vleuten conquista anche la Maglia Ciclamino della Classifica a Punti “Selle SMP” e la Maglia Verde dei GPM “Effebiquattro”. La miglior giovane del Giro Rosa Iccrea (Maglia Bianca “KRU”) è la francese Juliette Labous (Team Sunweb), mentre Elisa Longo Borghini si aggiudica la classifica delle atlete italiane (Maglia Blu “GSG”).

Le dichiarazioni della vincitrice di tappa Marianne Vos: “Alla partenza mi hanno detto che le mie vittorie al Giro erano 25, così ho dovuto mantenere la promessa e confermare il pronostico. Era comunque un arrivo molto adatto alle mie caratteristiche e la squadra mi ha aiutato molto, ringrazio le compagne di squadra e lo staff.”

La vincitrice del Giro Rosa Annemiek Van Vleuten ha dichiarato: “Sono super felice e sicuramente festeggerò insieme alla squadra. Mi sto preparando sempre al meglio e anche la squadra sta migliorando tutta la preparazione, il Giro Rosa è un obiettivo su cui ci siamo concentrati molto ed è stato importante averlo fatto insieme: nelle gare di un giorno puoi vincere anche da sola, ma in quelle a tappe hai bisogno di tutti, dalla squadra allo staff. I miei ritiri in altura li svolgo a Livigno da diverso tempo, e conosco bene le strade nella zona. Amo l’atmosfera che si respira in Italia. E poi in questi giorni c’è anche mia mamma che è venuta qui per la prima volta, festeggeremo la vittoria insieme a lei”.

ORDINE DI ARRIVO 10° TAPPA: 1. Marianne Vos –  2. Lucinda Brand –  3. Lotte Kopecky –  4. Soraya Paladin –  5. Katarzyna Niewiadoma

LE MAGLIE DEL 30° GIRO ROSA ICCREA:

Maglia Rosa (GRUPPO BANCARIO ICCREA): Annemiek Van Vleuten (Mitchelton – Scott)
Maglia Ciclamino (SELLE SMP): Annemiek Van Vleuten (Mitchelton – Scott)
Maglia Verde (EFFEBIQUATTRO): Annemiek Van Vleuten (Mitchelton – Scott)
Maglia Bianca (KRU): Juliette Labous (Team Sunweb)
Maglia Blu (GSG): Elisa Longo Borghini (Trek – Segafredo)

La tappa odierna sarà trasmessa in highlights da PMG Sport su 70 piattaforme televisive quali Eurosport aderenti al Gruppo Eurovisione. Una ampia sintesi andrà in onda su Raisport e in streaming su vari canali nazionali ed internazionali quali PMGSport (Facebook, sito e Youtube), Repubblica.it, Lapresse, Cicloweb.it, Federciclismo, Tuttobiciweb, Cyclingpro, InBici. All’estero su Flobikes, GCN Racing e Voxwomen.

Photo (c) Flaviano Ossola (Libere per uso editoriale)

domenica 14 SAN VITO AL TAGLIAMENTO/CASTELLO UDINE – Come un anno fa a Cividale, la festa finale è ancora una volta in Friuli, al Castello di Udine dove si concluderà l’ultima tappa, il cui via è a San Vito al Tagliamento (Pordenone), partenza al Santuario Madonna Di Rosa, ore 12:10, arrivo a Udine circa 120 km dopo. La tappa ha un percorso relativamente pianeggiante per quasi la sua totalità. Un circuito da ripetersi 2 volte comprende il passaggio a Mereto di Tomba (paese della tre volte campionessa d’Italia Elena Cecchini) dove è fissato un traguardo volante dopo 65 km. Le difficoltà altimetriche arrivano dopo circa 100 km, salendo verso il GPM di Moruzzo: una volta arrivati a Udine si giunge ai piedi del Castello per affrontare lo strappo in pavè di circa 400 metri fino al traguardo dove verrà incoronata la regina del 30° Giro Rosa Iccrea. 

 

sabato 13 – 9^tappa – GEMONA/ALTO PIANO DEL MONTASIO – Due olandesine si sono contese la vittoria di tappa: a prevalere è la Van der Breggen sulla Van Vleuten, la maglia rosa può dire ormai di aver conquistato il Giro d’Italia a meno di qualche sorpresa nella tappa finale. Lungo al salita per Sella Nevea la maglia rosa ha attaccato decisamente ai – 4 km. dalla vetta. La Ven der Breggen è rimasta a circa 20″, seguita più oltre dalla Spratt e dalla Moolmam. Poi negli ultimi 1500 metri è iniziata la rincorsa della Van der Breggen che ha raggiunto la Van Vleuten ai -800.

ARRIVO: 1^Anna Van der Breggen (NL – Boels) – 2^Annemiek Van Vleuten (NL – Mitchelton) a 17″ – 3^ Ashleigh Moolman (Sudafrica – CCC) a 1’38” – 4^Spratt – 5^Hall a 1’57” – 6^Vollering a 2’51” – 7^Santesteban – 8^Magnaldi a 2’53” – 9^Longo Borghini a 2’55” – 10^Labous a 3’10”

GENERALE :  1^Van Vleuten 2^Van der Breggen a 3’50” – 3^Spratt a 7′ – 4^Moolmam a 8’05” – 5^Hall a 8’09” – 6^Niewiadoma a 8’10” – 7^Brand a 8’25” – 8^Longo Borghini a 8’30” – 9^Soraya Paladin a 9’26” – 10″Magnaldi a 9’31”

Il gruppo alla partenza da Gemona

Presentazione tecnica – Si parte a Gemona in Friuli per arrivare 125 chilometri dopo a Chiusaforte in Località Malga Montasio. La tappa prevede una prima parte da ripetere e una lenta e graduale salita lungo il corso del Tagliamento e del fiume Fella. Negli ultimi venti km si passa dai 629 ai 1546 metri di altitudine.

venerdì 12 – VITTORIO VENETO/MANIAGO – Sotto il diluvio iniziato a pochissimi km. dal traguardo, vince l’inglese Elisabeth Bansk (Bigla) al termine di una fuga solitaria. Lo sprint delle inseguitrici è della compagna di squadra Thomas, terza la veneta Asja Paladin (Alè Cipollini). Il gruppo a 2’56” è regolato dalla francese Marianne Vos. La maglia di capoclassifica rimane sulle spalle dell’olandese Annemiek Van Vleuten.

ARRIVO: 1^ Elizabeth Banks (Bigla) – 2^Leah Thomas (Bigla) a 30″ – 3^Soraya Paladin (Alé) – 4^ Malgorzata Jasinska (Movistar) – 5^ Sofie De Vuyst (Parkhotel) – 6^Kathrin Hammes (WNT) – 7^Pauliena Rooijakkers (CCC) – 8^Shara Gillow (FDJ) – 9^Ruth Winder (Trek) – 10^Alice Maria Arzuffi (Valcar) –

GENERALE: 1^Annemiek Van Vleuten (Mitchelton) – 2^Anna Van Der Breggen (Boels) a 4’11” – 3^Katarzyna Niewiadoma (Canyon) a 4’26” – 4^Lucinda Brand (Sunweb) a 5’26” – 5^Amanda Spratt (Mitchelton) a 5’33” – 6^Elisa Longo Borghini (Trek) a 5’46” – 7^Soraya Paladin (Alé) a 6’06” – 8^Katie Hall (Boels) a 6’23” – 9^Ashleigh Moolman (CCC) a 6’42” – 10^Erica Magnaldi (WNT) a 6’49”