Aleotti e Venchiarutti sul podio alla “Carpathian Couriers Race”

Si è conclusa nei migliori dei modi la trasferta del Cycling Team Friuli (Aleotti, Davide Bais, Orlandi, Venchiarutti, Amadio) in Polonia.

domenica 5 – 5^tappa finale: Veszprem/Papa (Ungheria) km.150 1.Aniolkowski (POL) 2.Nicola Venchiarutti 3.Primozic

Generale Finale: 1.Van den Berg (NL – Metec) – 2.Giovanni Aleotti (IT – Cycling Team Friuli) a 39″ – 3.Weulink (NL) a 1’14” – 10.Nicholas Rinaldi (IT – Iseo) a 2’55” – 17.Nicola Venchiarutti (IT – CTFriuli) a 7’51” – 31.Emanuele Amadio a 21’55” – 48 classificati

Venchiarutti sul podio della tappa finale

A conquistare il podio alla 1^tappa, da Polaniec a Tarnow (Polonia) sulla distanza dei 145 chilometri, è stato il giovane emiliano Giovanni Aleotti che ha confermato così una volta di più la propria competitività in campo internazionale. Nella 3^tappa, da Oswiecim a Jablonk per 111 km. il velocista Venchiarutti , lo ricordiamo quest’anno già vincitore della Popolarissima a Treviso, è andato vicino alla vittoria giungendo alle spalle del polacco Aniolkowski. 

Giovanni Aleotti al termine della 3^tappa, che si è disputata venerdì 3 maggio, ha conservato la terza piazza in classifica generale a soli 11″ dal leader, l’olandese Marijn Van Den Berg. Il friulano Nicola Venchiarutti , giunto 2°al termine di uno sprint mozzafiato, ha perso d’un soffio a favore del polacco Stanislaw Aniolkowski (CCC Development).

Venchiarutti sul podio della 3^tappa (foto Scanferla)

La breve gara a tappe riparte sabato 4 con la 4^tappa dalla Slovacchia: 117 chilometri con partenza ed arrivo a Poprad. Domenica 5 il gran finale di 150 chilometri si correrà sulle strade ungheresi da Veszprem a Papa.

Cronaca 3^tappa – La formazione bianconera ha attaccato lungo tutti i 108 chilometri della terza tappa, andata in scena da Oswiecim a Jablonka, nel tentativo di dar corpo ad una azione che consentisse a Giovanni Aleotti, partito in terza posizione ad 11″ dal leader, di conquistare le insegne del primato. Il forcing dei ragazzi del Cycling Team Friuli ha ridotto ad appena 35 unità il gruppo di testa che si è presentato compatto sul rettifilo d’arrivo per giocarsi il successo di giornata allo sprint. A tenere alti i colori del Friuli Venezia Giulia sulle strade della Polonia è stato il friulano di Osoppo, Nicola Venchiarutti che, dopo un lungo testa a testa, ha chiuso la frazione in seconda posizione conquistando così un altro importante risultato internazionale dopo il successo, ottenuto nel mese di marzo, alla Popolarissima di Treviso.

Nella foto (Scanferla) il podio della 1^tappa con Giovanni Aleotti.

 

 
 Cronaca 1^tappa – Dopo l’apertura con il prologo, la corsa a tappe polacca riservata agli Under 23 è entrata nel vivo con una frazione molto combattuta che è stata decisa da una fuga ad otto che ha preso il largo nel finale di tappa. All’interno di questa azione erano presenti ben tre maglie del Cycling Team Friuli, quelle di: Giovanni Aleotti, Davide Bais e Massimo Orlandi.

I ragazzi diretti dal ds Renzo Boscolo sono stati bravi ad alimentare la fuga decisiva che ha potuto così presentarsi sul rettifilo d’arrivo per giocarsi il tutto per tutto in uno sprint a ranghi ristretti. Un lungo testa a testa tra Giovanni Aleotti, ben pilotato dai compagni di squadra, e l’olandese David Dekker ha tenuto con il fiato sospeso il pubblico polacco: sulla linea del traguardo Aleotti è stato costretto ad inchinarsi al colpo di reni vincente del rivale della Metec TKH, conquistando così una ben augurante medaglia d’argento. A completare il bottino raccolto dal team bianco-nero sono arrivate anche la settima piazza di Davide Bais, e l’ottava di Massimo Orlandi.

Renzo Boscolo: “Iniziare con un altro podio internazionale questa corsa a tappe è un ottimo viatico per la nostra trasferta. Ieri nel prologo, senza prendere troppi rischi, Aleotti ha chiuso in tredicesima posizione ad appena quattro secondi dal vincitore. Oggi la squadra è stata fantastica correndo con autorità e attenzione: avere ben tre uomini nell’azione decisiva ci ha consentito di giocarci al meglio le nostre carte. Ora siamo ben posizionati anche in classifica generale, mancano ancora tanti chilometri, ma direi che è stato davvero un buon inizio”.