CTFriuli protagonista al Giro del Belvedere

Un podio internazionale di grandissimo prestigio per il modenese Giovanni Aleotti, in fuga nel finale con Battistella che lo ha battuto solo per una “mezza bicicletta”.

 

Uci 1.2U – UNDER23 – Cordignano (Tv) Giro del Belvedere – Km.163 – 2015 Vendrame, 2016 Muller, 2017 Riabushenko, 2018 Stannard – ARRIVO 2019: 1.Samuele Battistella (Dimension Data) – 2.Giovanni Aleotti (Cycling Team Friuli) – 3.Matteo Sobrero (Dimension Data) a 1’32” – 4.Prodhomme 5.Smarzaro 6.Einer Rubio 7.Debons 8.Piccot 9.Casarotto a 1’40” 10.Davide Bais (Cycling Team Friuli) a 1’43

Aleotti tra le braccia di Boscolo al termine del Giro del Belvedere (foto: ciclonotes)

Il Giro del Belvedere, classica internazionale riservata agli Under 23 del giorno di Pasquetta che si è corsa sulle strade di Villa di Villa di Cordignano (Tv), è tornato a premiare il Cycling Team Friuli grazie ad un Giovanni Aleotti in formato super. 

Le casacche bianconere che in questo 2019 si erano già aggiudicate due internazionali del calibro della Popolarissima di Treviso e del Trofeo Edil C di Collecchio (Pr) sono salite sul podio quest’oggi con Giovanni Aleotti che ha conquistato una medaglia d’argento di grandissimo valore. L’atleta emiliano, infatti, ha saputo essere protagonista assoluto della prova trevigiana allungando in salita in compagnia di Samuele Battistella (Dimension Data) nel corso della prima delle due ascese finali alla salita del Montaner. La coppia che ha dominato gli ultimi 30 chilometri di gara, si è giocata il successo di giornata in uno sprint tattico e molto incerto che ha visto Giovanni Aleotti lottare sino all’ultimo colpo di pedale prima di inchinarsi alla maggior brillantezza del rivale e compagno d’avventura.

Il podio del Giro del Belvedere (foto Scanferla)

“Oggi la squadra ha corso con autorità riuscendo a controllare ogni azione e lanciando nel finale un Giovanni Aleotti straordinario” ha spiegato il ds Renzo Boscolo. “Purtroppo Giovanni ha incontrato un Battistella imbattibile ma la sua prestazione resta maiuscola e conferma tutte le ottime cose che aveva già fatto vedere sino ad oggi. Domani ci attende il Palio del Recioto, poi saremo al Giro dell’Appennino e alla Carpathian Couriers Race: con un team in queste condizioni fisiche ci sarà sicuramente da divertirci!”