Il friulano Nicola Venchiarutti vince la 104^Popolarissima a Treviso

La volata vincente di Venchiarutti © Riccardo Scanferla – Photors.it
Nicola Venchiarutti (Cycling Team Friuli) con Fausto Pinarello© Riccardo Scanferla – Photors.it

Domenica 17 – TREVISO – La Popolarissima va in Friuli con l’osoppano Nicola Venchiarutti del Cycling Team Friuli che vince la volata di 26 fuggitivi che hanno allungato a due giri dal termine. Già nel 2018 era cresciuto atleticamente vincendo la gara notturna di 140 km. a Levane (Arezzo) e la maglia sprint al Giro di Romania. “E’ la dimostrazione dove si possa arrivare se ci si mette impegno , grinta e dedizione. Ora Nicola è un ciclista maturo e completo. Seppure con un potenziale ovviamente diverso, posso dire che Venchiarutti ha la grinta e la determinazione simile a quella di Alessandro De Marchi” ha affermato il direttore sportivo Renzo Boscolo.

Il podio a Treviso con Nicola Venchiarutti (CTFriuli) Cristian Rocchetta (General Store) e Samuele Zambelli (Iseo Rime Carnovali) © Riccardo Scanferla – Photors.it

“Sapevo di stare bene, quando siamo riusciti ad evadere dal gruppo non pensavo che questa azione potesse giungere sin sul traguardo perchè l’accordo tra i fuggitivi non era dei migliori. Con il passare dei chilometri ho capito che avrei dovuto risparmiare le energie per lo sprint anche perchè nella fuga erano presenti molti uomini veloci. Quando ho preso la testa ai 250 metri ho cercato di dare il massimo e nessuno mi ha più rimontato. Sono felicissimo, questa vittoria è per la squadra che anche oggi ha corso in maniera spettacolare e per i miei tecnici che mi sono sempre vicini” ha spiegato Nicola Venchiarutti dopo il traguardo.

Friulano di Osoppo (Ud), classe 1998, Nicola Venchiarutti (Cycling Team Friuli) a Treviso è stato diretto da Alessio Mattiussi e Renzo Boscolo , rivelandosi nettamente il più veloce del gruppetto di 26 atleti che nel corso delle ultime due delle 14 tornate in programma sul circuito cittadino trevigiano sono riusciti ad evadere dal controllo del plotone dei 171 atleti che si erano presentati ai nastri di partenza della classica trevigiana.

Un finale denso di emozioni quello che ha caratterizzato la corsa ultracentenaria che ha richiamato anche quest’oggi il pubblico delle grandi occasioni: ad una trentina di chilometri dal traguardo ad evadere dal gruppo è stato un drappello di una ventina di unità sul quale sono rinvenuti alcuni atleti senza però che il grosso degli inseguitori riuscisse mai a chiudere lo strappo.

Mantenendo un vantaggio di una trentina di secondi, i 26 battistrada, dopo una infinita girandola di scatti, hanno potuto così presentarsi sul lungo rettifilo d’arrivo nel cuore di Treviso per giocarsi il tutto per tutto allo sprint: una volata lanciata lunghissima proprio dalle maglie del Cycling Team Friuli che hanno festeggiato il primo successo stagionale grazie allo spunto bruciante di Venchiarutti. Sul podio con l’udinese sono saliti il veronese Cristian Rocchetta (General Store) e il trentino Samuele Zambelli (Iseo Rime Carnovali).

A festeggiare sul traguardo di Treviso insieme al clan bianco-nero anche Fausto Pinarello“Questa mattina, prima del via, avevo parlato proprio con Venchiarutti e mi aveva fatto l’occhiolino. Per noi vincere questa classica che si corre sulla nostra porta di casa è sempre una grande soddisfazione: non posso che fare i complimenti a tutto il Cycling Team Friuli”.

Entusiasti anche i ds Alessio Mattiussi e Renzo Boscolo che hanno concluso: “Questa è la prima vittoria del 2019, un successo di grande prestigio che conferma la bontà del progetto che abbiamo portato a compimento quest’anno con l’acquisizione della licenza continental. Oggi al via c’erano i migliori velocisti e il nostro giovane Venchiarutti ha saputo primeggiare dimostrando di non avere alcun timore reverenziale: avanti così, questa è la strada giusta per crescere ancora!”

fonte: comunicato Stampa – Cycling Team Friuli – Publiweb Italia srls