A Trieste la “festa del ciclismo” della F.C.I.

Il 7° Memorial Poles al triestino Radivoj Pecar, già patron del Trofeo ZSSDI internazionale di Longera

domenica 25 – TRIESTE – Sono stati tanti i momenti belli alle Premiazioni Regionali della Fci. Il Presidente del Comitato Regionale della FCI, Stefano Bandolin“E’ una vera e propria festa del ciclismo della nostra regione, con tutti i nostri migliori rappresentanti nel mondo, rappresentate le tante società che fanno promozione nel settore giovanile, occasione per celebrare i tanti traguardi conquistati anche in questa stagione dai nostri atleti e per ritrovarci insieme tra appassionati di uno splendido sport capace di unire le persone non solo all’interno della nostra Regione ma anche sul piano internazionale”.

A Trieste, da sinistra: Boscolo (diesse CTF) Donegà Pessot Fabbro e Luciano Mattion (Presidente onorario CTF)

Tanti i momenti densi di emozioni compreso quello fortemente voluto dal presidente del Comitato Regionale della FCI dedicato alla testimonianza di come lo sport sappia abbattere le barriere e possa essere messaggio di unità e amicizia anche a livello internazionale. Per la prima volta nella storia del ciclismo italiano la presenza del Presidente della Federazione Ciclistica Austriaca, Otto Flum, il Presidente della Federazione Ciclistica Slovena, Tomaz Grm, al suo segretario generale, Ales Kalavan e al delegato della Presidenza della Federazione Ciclistica Croata, Ivica Grzinic.

A onorare il ciclismo friulano della propria presenza il segretario nazionale della FCI, Maria Cristina Gabriotti, il consigliere nazionale della FCI, Bruno Battistella oltre al presidente regionale del Coni Giorgio Brandolin e il presidente regionale del CIP, Giovanni De Piero.

Folta anche la schiera dei campioni su tutti Alessandro De Marchi (BMC), azzurro ai mondiali di Innsbruck e vincitore in stagione di una tappa alla Vuelta Espana e del Giro dell’Emilia a cui si affiancheranno Matteo Fabbro (Katusha) e il neo-professionista Alessandro Pessot.

Il 7° Memorial Poles, riservato ai direttori di corsa, al triestino Radivoj Pecar, già patron del Trofeo ZSSDI, la gara internazionale di Longera che per molti anni ha aperto la stagione internazionale in Europa; spazio poi ai Campioni Italiani Allievi, Eric Paties Montagner (Pasiano) su strada e Alice Papo (Jam’s Bike Buja) nel ciclocross oltre che all’azzurro Under 23, Matteo Donegà (CTFriuli) e al Campione Italiano dei giudici di gara, Luigino Cozzarini.

Tra i riconoscimenti speciali, infine, particolare attenzione a due società friulane: la Libertas Ceresetto Pratic Danieli, per aver riportato su strada il Giro del Friuli Venezia Giulia e il Cycling Team Friuli che, a distanza di 30 anni, riporterà nel 2019 una formazione del Friuli Venezia Giulia nel gruppo dei professionisti.

fonte : Comunicato Stampa – Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia