Paties Montagner di Cordenons è tricolore Allievi

Campionati italiani giovanili a Comano Terme (Trentino) – ALLIEVI: dopo appena 10 chilometri è nata l’azione che ha deciso la corsa: 70 km. di fuga e vince il ciclista di Cordenons (PN) – DONNE ESORDIENTI 2°ANNO: la friulana Giorgia Serena ha bissato il risultato del 2017, addirittura la terza medaglia di bronzo consecutiva ai tricolori.

domenica 8 luglio – COMANO TERME (Trentino) Al termine di una gara che ha visto gli atleti impegnati in un percorso pieno di insidie, Montagner, dopo una gara corsa sempre  all’ attacco è giunto solitario al traguardo mentre  il piemontese Valerio e il toscano Peschi giunti rispettivamente a 19″ e 24″.

La squadra del Friuli V.G. con Cucinotta a Comano Terme

 

Un tricolore meritato che ha fatto ricordare al tecnico regionale di categoria Claudio Cucinotta una indimenticabile giornata di 20anni fà, quando a Catanzaro Andrea Pitton, con i colori del pedale Sanvitese, conquistò per il Friuli la maglia tricolore nella medesima categoria degli allievi con la squadra del Friuli cui facevano parte anche lo stesso Cucinotta e l’ attuale professionista Enrico Gasparotto. Nemmeno io potevo immaginare di vivere un sogno come questo – esordisce il neo-tricolore – Lo scorso anno facevo fatica a terminare le gare, in questa stagione ho vinto il Campionato regionale, un bell’acuto, ma non paragonabile in alcun modo a quello di oggi. Credo che grandi meriti in questa svolta siano del nuovo direttore sportivo, che ha cambiato il nostro modo di allenarci. Mi sono accorto che nella salita più lunga, quella verso Fiavé, le gambe giravano bene, mentre sapevo che su quella più corta, ma più dura, del Ponte dei Servi non sarei riuscito a tenere la ruota dei migliori, quindi al secondo e ultimo passaggio dell’ascesa più lunga ho attaccato con decisione. Ho iniziato l’ultimo giro del circuito finale con un minuto di vantaggio sugli inseguitori e ho capito che erano sufficienti per difendermi sull’ultima salita e non rischiare troppo in discesa».

La squadra del 1998 con tricolore Pitton (a destra un giovanissimo Gasparotto)

 

 

 

 

 

 

CRONACA – Una fuga di 70 chilometri, coronata con l’arrivo in solitaria, a braccia alzate, e con la maglia tricolore sulle spalle, celebrata dai lunghi applausi del pubblico. Il coraggioso ciclista friulano Eric Paties, corridore di Cordenons, ha conquistato il titolo nazionale nella categoria Allievi, precedendo all’arrivo il piemontese Damiano Valerio e il toscano Lorenzo Peschi, argento e bronzo. I 145 concorrenti in gara hanno coperto 79,4 chilometri, distribuiti lungo quattro tornate del circuito leggermente ondulato della Val Lomasone e su una tornata del più impegnativo circuito “Don Guetti”, disegnato tra la Piana del Lomaso, Fiavé e il territorio del Bleggio, a precedere un nuovo giro dei circuiti “Val Lomasone” e “Don Guetti” e le due tornate del circuito “Delle Terme”, con lo strappo di 1000 metri del Ponte dei Servi da affrontare due volte. Dopo appena 10 chilometri è nata l’azione che, a sorpresa, ha deciso la corsa, promossa da nove corridori, ovvero dallo stesso Paties, dai piemontesi Alessandro Bona e Damiano Valerio, dai veneti Marco Cao, Marco Dal Bianco e Alessandro Pinarello, dal toscano Lorenzo Peschi, dal marchigiano Filippo Dignani e dal laziale Giuliano Santarpia. La fuga, complice il lavoro di copertura svolto dai rispettivi compagni di squadra, ha preso subito quota e guadagnato terreno chilometro dopo chilometro e i battistrada hanno raggiunto un vantaggio massimo di 3’30” sul gruppo. Un gap che è poi divenuto incolmabile. Durante il secondo passaggio sul circuito “Don Guetti”, a poco più di 20 chilometri dall’arrivo, Eric Paties ha provato il forcing, provando a giocare le proprie carte con un attacco dalla distanza, dopo che il drappello dei battistrada aveva perso alcuni “pezzi”, ridotto a cinque unità (Paties, Valerio, Pinarello, Peschi e Bona). Il coraggio ha pagato, tant’è che il friulano ha imboccato le due tornate del circuito finale “Delle Terme” con circa un minuto di vantaggio sui primi inseguitori. È stato invano il disperato tentativo di rimonta del friulano Lorenzo Peschi, che è riuscito a riportarsi a 20” dal battistrada, con Damiano Valerio poco dietro.

DONNE ESORDIENTI 2°ANNO – La decima vittoria stagionale vale la maglia tricolore alla marchigiana Eleonora Ciabocco, vittoriosa nello sprint a ranghi ristretti che ha deciso la corsa Esordienti Donne secondo anno ai Campionati Italiani delle Terme di Comano. La portacolori del Team Di Federico Pink, che nel gennaio aveva vestito la maglia tricolore nel ciclocross, è riuscita a concedere il bis, battendo in rimonta l’emiliana Giulia Raimondi (medaglia d’argento). Terza la friulana Giorgia Serena, che al pari della Raimondi ha bissato il risultato dello scorso anno. La friulana vanta un record ineguagliabile: tre volte terza in tre Campionati italiani alle Terme di Comano. «Significa che negli appuntamenti che contano riesco a farmi trovare pronta – commenta – e questo è importante, anche se, a dire il vero, quest’anno mi sono allenata per la maglia. Eleonora ha dimostrato di essere la più forte, anche perché nessuno si aspettava che in salita potesse tenere quel ritmo, soprattutto nella parte finale più ripida. Non è stato un anno facile per la mia famiglia l’ultimo, quindi questa medaglia vale molto».

I selezionati ai tricolori allievi e esordienti

Il gruppo regionale esordienti

 

Teatro dell’imminente appuntamento tricolore giovanile è per il terzo anno consecutivo Comano Termenel Parco dell’Adamello a pochi chilometri da Trento.Tutte le prove dei campionati partono dalla località di Fiavè per terminare a Ponte Arche. Il percorso non è si presenta facile e determinante si rivelerà, molto probabilmente, la salita di Ponte dei Servi lunga un chilometro circa e collocata a poca distanza dal traguardo.

Di seguito l’elenco degli atleti regionali selezionati.

Allievi (15-16 anni) – Questi i ciclisti chiamati a difendere i colori del Friuli Venezia Giulia con l’ambizione di emulare le vittorie del buiese Flavio Milan (1985) e del sanvitese Andrea Pitton (1998): Christian Pase e Eric Paties Montagner (Pasiano), Bryan Olivo (Bannia), Manlio Moro (Pordenone), Alessandro Malisan e Filippo D’Aiuto (Manzanese), Thomas Casasola (Sacilese). Nel ruolo di riserve: Matteo Balistreri (Rinascita Ormelle) e Valentino Pessotto (Caneva). Il loro responsabile è Claudio Cucinotta, uno dei migliori talenti espressi dal ciclismo regionale in anni relativamente recenti. Classe 1982, da Muzzana del Turgnano, in carriera è stato campione italiano Elite (2005) e poi professionista per quattro anni.

Esordienti (13-14 anni) Cercheranno di bissare il successo ottenuto nel medesimo campionato due anni fa dal pordenonese Bryan Olivo. Primo anno: Alan Flocco (Team Granzon), Matteo De Monte, Lorenzo Unfer,Massimo Sbrizzi e Fabio Piuzzi (Libertas Ceresetto), Lorenzo Turchet (LaPujese). Nel ruolo di riserve: Sebastiano Sari (Pedale Manzanese) e Nicholas Guglielmi (La Pujese) – Secondo anno: Alessandro Visintin (Team Isonzo), Marco Di Bernardo e LivioVarutti (Libertas Ceresetto), Gioele Marzano e Alessio Menghini (PedaleManzanese) e Diego Caprioli (Sacilese). Riserve: Jacopo Franzoi (Bannia) eLuca Simonitto (Libertas Ceresetto). Si tratta di gruppo di ragazzi selezionati dal 28enne Claudio Gerolami da Pasiano di Pordenone, da due anni responsabile tecnico regionale della categoria, che dopo avere svolto attività agonistica fino agli Under 23, per cinque anni si è dedicato all’allenamento dei giovani con il Pasiano.