ALLIEVI – 19^ “Trieste-Udine Insieme nello sport”: sprint di Pawel Wegierski che fulmina Staffus e l’austriaco Windischbauer

Il portacolori italo-polacco della Pratic Ceresetto Danieli era rimasto staccato nel GPM – Bandierina del “via” abbassata dal Sindaco di Trieste, Cosolini, poi l’arrivo in via Marsala a Udine – Iscritti: 101 Partiti: 91 arrivati: 73 – Cronaca, ordine d’arrivo, foto e albo d’oro
 
LO SPRINT FINALE DELLA 19^ TRIESTE-UDINE IN VIA MARSALA

Ordine d’arrivo – Tempo: 2.02.32 – Km: 79 – Media: 38,683 km/h – 1° Pawel Wegierski (Ceresetto) – 2° Daniel Staffus (Cicl.Bujese) – 3° Johannes Windischbauer (ORV) – 4° Yuri Pessotto (Team Bosco di Orsago) – 5° Enrico Voltolina (Team Isonzo) – 6° Andrea Bravin (Rinascita Ormelle) – 7° Alberto Dal Mas (Sacilese Euro90 P3) – 8° Matteo Fabbro (Ceresetto) – 9° Manuele Berton (Caneva) – 10° Simone Casanova (Girelli Cicli dalla Rosa)

CRONACA DELLA GARA – PAWEL WEGIERSKI sedicenne di origini polacche che  corre per i colori della  Pratic Ceresetto Danieli  ha conquistato allo sprint la 19^ Trieste-Gorizia-Udine. La manifestazione organizzata alla grande dalla CICLO ASSI FRIULI ha visto alla partenza allievi della Slovenia, Croazia, del Veneto, di TUTTE LE SOCIETA DEL FRIULI VG e della NAZIONALE D’AUSTRIA.  A Trieste, in una PIAZZA UNITA’ invasa dai ciclisti (partiva anche la cicloturistica Gran Fondo D’Europa) in cento rispondono all’appello degli organizzatori e sono salutati dal Sindaco Roberto Cosolini. Il Presidente regionee del CONI Emilio Felluga abbassa la bandierina; dopo un  trasferimento ad andatura turistica per godersi il mare di Barcolla al bivio di Miramare  partenza a spron-battuto lungo la “Costiera”. Il percorso di 79 km. attende gli atleti che subito danno vita ad una gara rivelatasi entusismante. Le scorte tecniche del MOTO CLUB MANFE’, gli AGENTI DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI TRIESTE e i MOTOCICLISTI DELLA POLSTRADA  hanno garantito subito agli atleti la necessaria sicurezza e regolarità nel traffico di questa domenica di sole e afa. Lungo la strada del  “vallone” i tentativi si susseguivano: escono Minisini (Ceresetto), Corolo (Caneva) e Taferner (Nazionale Austria) che riescono a sganciarsi. Ma il traguardo è ambito da tutti ed il gruppo prima di Gorizia si ricompone. Il  capoluogo isontino viene attraversato  in sicurezza con la collaborazione della polizia municipale. A Villanova dello Judrio si entra in Provincia di Udine e gli sloveni tentano la loro carta con Dolinar e Kosec ma senza fortuna.  Al “verde” attacco sloveno rispondono i pronipoti di Francesco Giuseppe: i biancorossi della nazionale austriaca contrattaccano decisi lungo la salita di Montecristo (Buttrio) tra le vigne dei colli orientali. Ma la reazione degli italiani, per una volta uniti, fa ricomporre il gruppo che pedala compatto verso Udine. Finale scoppiettante, da autentica battaglia campestre, che preannuncia una volata a  ranghi compatti… E puntualmente i velocisti si presentano sul traguardo di via Marsala a Udine, che per l’occasione aveva allestito la sagra del quartiere. Il giovane polacco Wegierski parte davvero lungo, vicino ai 250 metri dal traguardo, e non molla se non dopo aver alzato le braccia al cielo, secondo un davvero bravo bujese Staffus e terzo l’austriaco Windischbauer (VEDI FOTO DELL’ARRIVO). Al termine Pavel Wegierski veniva baciato dalla contentissima mamma (VEDI FOTO-RITRATTO SOTTO). Bravo il vincitore ma bravissimi tutti i partecipanti che con una condotta di gara sportiva e corretta hanno onorato una manifestazione che a pieno diritto si può annoverare come una delle classiche della categoria nel calendario del  Ciclismo del Nord-Est e delle nazioni confinanti.

Il vincitore, Pavel, con la madre
IL PODIO

UN PO’ DI STORIA – La prima edizione ha  avuto luogo nel 1986. Un gruppo di appassionati Udinesi e Triestini, decide di unire le forze per organizzare una gara riservata alla categoria degli allievi (15-16 anni). Il percorso in origine attraversava, Monfalcone, Cervignano, Palmanova e si concludeva a Udine con arrivo in Viale Leopardi e  nelle prime edizioni l’albo d’oro registra nomi importanti del ciclismo triveneto e sloveno. Nel 2000 la società Udinese Ciclo ASSI FRIULI  ha ripreso la manifestazione dedicandola alla memoria di Olinto Masotti e Dante Segale, appassionati dirigenti della società bianconera negli anni sessanta. Il traguardo del millennio fù firmato da Paolo Gallo. Nel 2003  la gara si dirige verso il Carso e attraverso il “Vallone” tocca Gorizia  e Cormons. L’arrivo è posto a Udine in Via Marsala e sulla fettuccia dell’arrivo piombano in due Andrea Cecchini e Matteo Bugno. Le sofisticate attrezzature di photoFinish decretano arrivo a pari merito. Festa ed applausi per due.

Il d.s. del vincitore, Brunetto Puppo
1988 FRANC PILAR  KK SAVA KRANJ SLO
1989 LUCIO SCUOR  VC CIVIDALE  
1990 MAURO BEANO  GS CANEVA ROKORD  
1991 PAOLO STROPPOLO  GS MORATTI CARIGO PIERIS  
1992 LEON BREGANT  KK ROG LUBIANA SLO
2000 PAOLO GALLO  VC LATISANA OTTOGALLI  
2001 GREGA BOLE  KK PERFECH BLED SLO
2002 IGOR BALLO  VC VO’  VR  
2003 ANDREA CECCHINI  LIBERTAS PRATIC CERESETTO  
  MATTEO BUGNO a parimerito  CALZ. DONNA CAROLINA  
2006 MARCO HALLER  LRV CARINZIA AUSTRIA
2007 ANDREA COMUZZI  PEDALE RONCHESE T. ISONZO  
2008 DAVIDE CIMOLINO  LIBERTAS GRADISCA  
2009 ALESSIO GNAN  SACILESE EURO 90  
2010 TOBIAS DERLER  SQUADRA NAZIONALE AUSTRIA  
2011 PAWEL WEGIERSKI  CERESETTO PRATIC DANIELI