Musizza vince la Lambrugo-Ghisallo

domenica 30 – GHISALLO (Como) – Era giunto secondo domenica scorsa a Bolzano, oggi con una progressione negli ultimi km. di gara il giovane triestino Gabriel Musizza (Cycling Team Friuli) ha vinto il 39°Trofeo Giovanna Canali, 8°Trofeo Claudio Gerosa, vale a dire la Lambrugo-Ghisallo che ha visto alla presenza ben 183 partenti incluso il campione italiano.  Leggi tutto “Musizza vince la Lambrugo-Ghisallo”

Ciclocross: 39° Trofeo Triveneto 2018-2019

1^prova – 1 Novembre – BUJA (Udine)
2^prova – 4 Novembre – SCHIO (Vicenza)
3^prova – 11 Novembre – SALVATORONDA di Godega S.U. (Treviso)
4^prova – 18 Novembre – TEZZE SUL BRENTA (Padova)
5^prova – 1 Dicembre – SILANDRO (Bolzano)
6^prova – 2 Dicembre – BOLZANO
7^prova – 23 Dicembre -NOVA GORICA (Slovenia)
8^prova – 26 Dicembre – SAN FIOR (Treviso)
9^prova – 31 Dicembre – SCORZE’ – (Venezia)
10^prova – 5 Gennaio 2019 – BIBIONE (Venezia)
11^prova finale – 20 Gennaio 2019 – VARIANO DI BASILIANO (Udine)

Valpolicella Pedala con i Campioni

Ciclisti professionisti, ex professionisti e cicloamatori insieme per un nobile scopo: aiutare Annalisa, bambina di 9 anni affetta da lissencefalia, grave malattia genetica degenerativa. E’ il senso di “Valpolicella con i Campioni”, pedalata cicloturistica non competitiva in programma domenica 28 ottobre 2018 con la 4^edizione fra quattro Comuni veronesi: Sant’Ambrogio di Valpolicella, Fumane, San Pietro in Cariano e Pescantina. Due anni fa i partecipanti sfiorarono i 700, la scorsa edizione – bagnata dalla pioggia – furono 500. Fra i campioni presenti in passato Paola Pezzo, Davide Formolo, Mauro Finetto, Andrea Guardini e Astrid Schartmueller, ma anche nel 2017 Maurizio Cheli, primo astronauta italiano a salire su uno shuttle. (nella foto la squadra juniores Autozai Contri Omap)

Leggi tutto “Valpolicella Pedala con i Campioni”

Nuova divisa per la Nazionale Slovacca

A Innsbruck la Santini Cycling Wear ha presentato la divisa della Nazionale Slovacca, con cui ha rinnovato la collaborazione sino al 2022. Sul fronte riporta la bandiera slovacca destrutturata in righe e sulla manica destra lo stemma del paese composto da una croce doppia. La jersey presenta un taglio aerodinamico ed è realizzata con tessuto Bodyfit con un peso di 90 gr/mq. i calzoncini in tessuto Thunderbike Power che aiuta a ridurre lo stress muscolare grazie alla leggera compressione. Nella foto da sinistra: Martin Haring, Peter Sagan, Juraj Sagan (ph.credit Santini Media)

79^Coppa San Vito: Lonardi 10^vittoria 2018

Ferronato Campione Regionale – Florissi Campione Provinciale di Pordenone

sabato 29 – E/U23 – SAN VITO AL TAGLIAMENTO (Pordenone) 79^Coppa San Vito, Campionato Regionale Elite s.c./Under 23 – Arrivo: 1.Giovanni Lonardi (Zalf Euromobil Désirée Fior) – 2.Mirco Sartori (Mastromarco) – 3.Filippo Ferronato (Cycling Team Friuli) – 4.Rino Gasparrini (Calz. Montegranaro) – 5.Luis Antonio Gomez Urosa (Work Service Videa) – 6.Edoardo Sali (Team Cervelo) – 7.Leonardo Marchiori (Zalf Euromobil Désirée Fior) – 8.Davide Colnaghi (Palazzago) – 9.Stefano Gandin (Work Service Videa) – 10.Mauro Florissi (Gottardo Caneva)

Vittoria alla sprint per il ciclista della Zalf, dopo che allo striscione dell’ultimo chilometro sono stati ripresi Donegà  (CTFriuli) e Milani (Zalf) che avevano allungato a 6 km. alla conclusione. La gara è stata molto combattuta e avvincente. 

 

Matteo Fabbro : “Il 2018 è stato un anno di esperienza nelle difficili gare World Tour”

Sarà presente martedì 2 ottobre a San Daniele in occasione della gara da lui vinta l’anno scorso. Matteo Fabbro nel mese di settembre ha partecipato con la maglia della Nazionale ad alcune gare del calendario professionistico italiano.

Senz’altro utile l’esperienza in Nazionale nelle gare di settembre “Si certamente, avevo bisogno di correre e avere continuità. Ringrazio per questo il commissario tecnico Davide Cassani per la convocazione che mi ha dato questa possibilità. Ora sto bene e fisicamente sto bene. Aver fatto un paio di weekend con la Nazionale mi ha fatto bene allo spirito e ringrazio a chi crede nelle mie possibilità. Davide (n.d.r Cassani) è stato sempre gentile con me. Giocoforza mi mancava il ritmo-gara e la possibilità di correre in Nazionale mi ha dato ancor più fiducia. ” –

CONTINUA LA LETTURA Leggi tutto “Matteo Fabbro : “Il 2018 è stato un anno di esperienza nelle difficili gare World Tour””

Campionati Mondiali strada a Innsbruck

domenica 30Ha vinto El Imbatido, come viene chiamato dagli spagnoli Alejandro Valverde, cha di anni ne ha ben 38 e mezzo. Complimenti! Sull’ultima difficile ascesa soprannominata “l’inferno” a Innsbruck se la sono giocata all’inizio in quattro, incluso l’azzurro Moscon, che però non ha potuto tenere le ruote di Valverde, del canadese Woods e del francese Bardet. Poi l’olandese Dumoulin nella breve discesa è andato a riprendere dapprima l’azzurro e poco prima dello striscione dell’ultimo km. anche i tre fuggitivi, ma per lui ormai la stanchezza si faceva sentire e la volata l’ha disputata rimanendo al 4°posto. Nel complesso bravi gli azzurri che hanno dimostrato compattezza. La gara è stata selettiva perdendo ben presto Sagan e Kwiatkowski.  La Nazionale Italiana era formata da Gianluca Brambilla, Damiano Caruso, Dario Cataldo, Alessandro De Marchi, Gianni Moscon, Vincenzo Nibali, Franco Pellizotti, Domenico Pozzovivo. Nibali alla vigilia era il grande punto di domanda ed infatti ha ceduto a 2 giri dal termine, forse gli è mancato il cambio di ritmo in salita, era comunque uscito piuttosto bene dalla Vuelta e nell’ultima settimana era dato in ascesa fisica. Sicuramente in grande spolvero il trentino Moscon vincitore di due belle gare pre-mondiali, che si era trasferito nei dintorni di Innsbruck per la preparazione. Ha pagato probabilmente gli sforzi fatti in precedenza. Il lucano Pozzovivo al termine della gara ha affermato che non era in giornata. Ottimo come sempre il lodevole lavoro di squadra di De Marchi e Pellizotti. Il “Dema” ha lavorato sin sotto l’ultima salita per ricongiungere il gruppo al fuggitivo Valgreen. Leggi tutto “Campionati Mondiali strada a Innsbruck”

Rimonta vincente di Milan a Gardolo

Milan vince a Gardolo (sportrentino.it)

JUNIORES – domenica 23 – GARDOLO (Trento) Jonathan Milan ha vinto allo sprint il 5°Memorial Romolo Benatti, gara conclusiva del calendario trentino. La gara era imperniata in 2 circuiti per complessivi 125 km. , il primo prevalentemente pianeggiante, il secondo con inserita una salita da affrontare 4 volte. I partenti sono stati ben 118, la competizione si è subito ravvivata ma a decidere è stata una volata a ranghi ridotti dove il veneto Zambanini si è visto rimontare a pochi metri dal traguardo dal friulano e portacolori della Sacilese, figlio d’arte (Flavio Milan è stato campione italiano allievi su strada).

ARRIVO: 1.Jonathan Milan (Sacilese Euro 90 P3) – 3h01’42” – media 41,3 km/h – 2.Edoardo Zambanini (Campana Imballaggi-Hio.Bike) – 3.Andrea Barzotto (Sanvendemiano Cycling Team) – 4.Jacopo Menegotto (Industrial Forniture Moro) – 5.Mauro Ermes Florissi (Gottardo Giochi Caneva) – 6.Alessio Polese (Sacilese Euro 90 P3) -7.Luca Paladin (Industrial Forniture Moro) -8.Kevin Bonaldo (Uc Giorgione) – 9.Gianluca Simoni (Uc Giorgione) -10.Samuele De Marco (Sacilese Euro 90 P3)

Cecchini oro mondiale con la Canyon SRAM

domenica 23 Donne Elite – INNSBRUCK – La Canyon-SRAM ha vinto il primo titolo dei Campionati del mondo UCI Road 2018 in corso a Innsbruck, quello della cronosquadre femminile per clubs. Così anche Elena Cecchini si regala la prima medaglia d’oro insieme ad Alena Amialiusik, Alice Barnes, Hannah Barnes, Lisa Klein e Trixi Worrack. La Canyon Sram ha completato il percorso di 54.7 km nel tempo di 1h01’47, battendo la Boels Dolmans di 21”90 e il Team Sunweb, campione uscente, di 28”67. 

Arrivo: 1^Canyon-SRAM Km. 54,7 tempo 1h01’46” – 2^Boels Dolmans a 21″90 – 3^Team Sunweb a 28″67 – 8^Valcar PBM a 3’35” – 9^BePink a 3’36” – 10^Alé Cipollini a 3’53″54

fonte: Fci/News – Photobicicailotto

Dopo il Friuli a Pogacar il 49°Trofeo Bianchin

domenica 23E/U23 – PONZANO VENETO – Un eccellente Tadej Pogacar (Slovenia National Team), dopo la vittoria del Tour de l’Avenir  e del Giro del Friuli, torna al successo sulle strade italiane andando a cogliere una strepitosa vittoria al  49^ Trofeo Bianchin, alla fine di una lunga fuga cominciata dopo 78 chilometri di gara. In 141 atleti hanno preso il via da Ponzano Veneto (Tv) dalla Becher House, con la regia organizzativa del Vc G. Bianchin. Lo sprint finale vede un entusiasmante testa a testa fra Bagioli e Pogacar risolto solo dal fotofinish in favore di quest’ultimo che con un formidabile colpo di reni riesce a bruciare un altrettanto bravissimo Bagioli.