Intervento chirurgico per Fabio Aru

Il ciclista sardo deve rinunciare al Giro di Catalogna e al Giro d’Italia

Fabio Aru  (BettiniPhoto)

domenica 24Recenti esami approfonditi ai quali è stato sottoposto Fabio Aru hanno evidenziato una costrizione dell’arteria iliaca della gamba sinistra che impedisce un afflusso sanguigno adeguato durante la produzione del massimo sforzo. Il persistere di un calo di potenza durante gli sforzi più intensi limitava il gesto atletico dello scalatore sardo. Leggi tutto “Intervento chirurgico per Fabio Aru”

110^Milano-Sanremo: vince Alaphilippe. Percorso classico di una corsa Monumento

sabato 23 marzo – Il francese Julian Alaphilippe dopo aver intascato la Strade Bianche a Siena, trafigge il drappello dei 10 rimasti dalla scalata del Poggio. La volata è stata anticipata dal bellissimo tentativo del campione europeo Matteo Trentin sull’Aurelia, ma braccato dai fuggitivi ha concluso decimo. Ottavo Nibali che ha fatto vedere un ottimo livello di crescita e pone fiducia all’annata 2019. Sagan aveva rintuzzato sul Poggio il tentativo di Alaphilippe ma rimanendo in difficoltà allo sprint finale, anche il campione ceco ha dimostrato di essere pronto per le classiche del nord, a presto. Altra bella dimostrazione italiana è stata quella di Niccolò Bonifazio involatosi nella discesa lungo la Cipressa, utilizzando come rampa di lancio un’ampia curva presa a a velocità stratosferica, un’azione la sua terminata andando prendere il Poggio. Cimolai subito dietro ai primi chiude 22°, nello sprint degli inseguitori è terzo dietro a Ballerini e Nizzolo. Gasparotto 49° nel medesimo gruppetto. De Marchi 58° in solitaria a 1’01” ma il suuo lavoro in CCC lo aveva già fatto prima, bravo come sempre. Pessot, ex-CTF, alla prima Sanremo in maglia Bardiani conclude 167° a 20’53”.

ARRIVO: 1.Julian Alaphilippe (Francia – Deceuninck Quick Step) 6h40’14” – 2.Oliver Naesen (Belgio – AG2R La Mondiale) – 3.Michal Kwiatkowski (Polonia – Team Sky) 4.Sagan 5.Mohoric 6.Van Aert 7.Valverde 8.Nibali 9.Clarke 10.Trentin Leggi tutto “110^Milano-Sanremo: vince Alaphilippe. Percorso classico di una corsa Monumento”

Cimolai ottimo 2° a Jesi nella T/A

L’arrivo di tappa a Jesi (foto La Presse)

lunedì 18 – Tirreno / Adriatico : Cimolai è 2° allo sprint a Jesi alle spalle del francese Alaphilippe, vincitore della 6^tappa della Tirreno-Adriatico, 3°Viviani. Il pordenonese rilascia alcune dichiarazioni a gazzetta.it : “Questo arrivo era più adatto alle mie caratteristiche rispetto a quello di venerdì (a Foligno), un podio che rincuora e un ringraziamento alla squadra perché forse per la prima volta mi trovo ad essere capitano unico e ad avere tutto il supporto del team. La vittoria non è arrivata ma sapiamo tutti che la Quick Step è una squadra incredibile, ma non ho rimpianti quindi arrivo alla Milano-Sanremo molto felice. Dentro di me ci credo, tutti sanno che la Sanremo è una corsa speciale, è il mio sogno e ci arrivo con la gamba giusta”.

De Marchi lunga fuga alla Parigi-Nizza

mercoledì 13 marzo – Alessandro De Marchi (CCC Team) è protagonista nella 4^tappa della Parigi-Nizza, frazione piuttosto lunga (212 km.) vissuta quasi interamente su una fuga di un gruppetto assotigliatosi a 4 corridori in vista del traguardo di Pelussin, dove è risultato vincitore il danese Magnus Cort Nielsen (Astana) che ha sferrato un attacco a 400 metri dal traguardo, lasciandosi alle spalle il belga De Gendt a 7”. Terzo Giulio Ciccone a 13” davanti ad Alessandro De Marchi.

Leggi tutto “De Marchi lunga fuga alla Parigi-Nizza”

Giro d’Italia 2020: partenza di una tappa dalla base delle Frecce Tricolori a Rivolto

Nel 2020 per la prima volta nella storia del Giro d’Italia, una delle tappe partirà da un aeroporto militare, sede del 2° Stormo dell’aeronautica Militare, che celebrerà anche la 60^ stagione acrobatica.

Le Frecce Tricolori posano con il “Trofeo Senza Fine”

19 febbraio RIVOLTO (Ud) – La base aerea militare di Rivolto ha accolto oggi la conferenza stampa di presentazione della partenza di una tappa della Corsa Rosa del 2020. Infatti, proprio dall’interno dell’aeroporto militare e per la prima volta nella storia del Giro, partirà una delle tappe più importanti. Un anno importante per la base friulana: nel 2020, infatti, si festeggeranno anche i 60 anni della stagione acrobatica della PAN (Pattuglia Acrobatica Nazionale). Leggi tutto “Giro d’Italia 2020: partenza di una tappa dalla base delle Frecce Tricolori a Rivolto”

Trofeo Laigueglia: 10°Cimolai, bene Amadio

Il pordenonese Emanuele Amadio (CTFriuli) è stato protagonista nel plotoncino della lunga fuga che ha caratterizzato la parte centrale di gara – All’arrivo 40°Mattia Bais a 3’57”, 67°Nicola Venchiarutti a 6’15” attardato da una foratura prima dell’ultima salita.

L’arrivo di Cimolai a Laigueglia

domenica 17 – LAIGUEGLIA, Savona – Un gruppo di 7 ciclisti è riuscito a scappare nei primi 20 km.di gara: Jonas Aaen (Riwal Readynez), Michael Piccot (Biesse Carrera), Giulio Masotto (Team Colpack), Andrea Ferrari (Iseo Serrature Rime Carnovali), Evgeny Kobernyak (Gazprom Rusvelo), Federico Burchio (D’Amico UM Tools) ed Emanuele Amadio (CTFriuli).

Leggi tutto “Trofeo Laigueglia: 10°Cimolai, bene Amadio”

De Marchi e Gasparotto iniziano la stagione con la 70^Volta a la Comunitat Valenciana

Dal 6 al 10 febbraio in Spagna la prima gara a tappe europea per professionisti (gara di classe 2.1 del calendario UCI Europe Tour)  La 2^ e 3^tappa sono di percorso misto. La “tappa regina” è la 4^ con arrivo in salita  a Alcala-Alcocebre. Arrivo finale a Valencia con la 5^tappa di pianura. – In gara anche il pordenonese Davide Cimolai, che aveva esordito alla Challenge Mallorca.

Gasparotto nella crono di Orihuela (Ph gettysport)

La Vuelta Valenciana è partita con la crono individuale di 10,3 km. vinta alla media di 47,845 km/ h dal norvegese Boasson Hagen, compagno di squadra di Enrico Gasparotto (Dimension Data) che ha terminato al 16°posto a 22″. Poco più dietro al 23° posto Alessandro De Marchi (CCC Team) a 28″ a pari merito con Trentin.

Leggi tutto “De Marchi e Gasparotto iniziano la stagione con la 70^Volta a la Comunitat Valenciana”

Cimolai e Fabbro: si inizia da Majorca

Con le prime gare che si svolgono all’isola di Majorca in questi giorni, Davide Cimolai (Israel Academy) e Matteo Fabbro (Katusha) hanno iniziato la loro stagione ciclistica 2019. Giovedì 31 gennaio Fabbro è arrivato 21° nel trofeo Ses Salines-Felanitx (177 km.) con l’arrivo finale di 6 km. di salita al Col de San Salvador. La gara è stata vinta dallo spagnolo Herrada.

Fabbro con Haller

Fabbro ha avuto davanti a lui all’arrivo due compagni di squadra: lo sloveno Spilak (13°) e il portoghese Goncalves (18°), arrivando con un distacco di 1’25” da Herrada, ma c’è da dire che ben presto si sono registrati tempi ben superiori, segno che la salita è stata fatta “a tutta”.

Cimolai

Cimolai invece esordisce con la nuova squadra alla Challenge Mallorca sabato 2 febbraio nel Trofeo Serra de Tramuntana (140 km.) e domenica 3 febbraio nel trofeo Playa de Palma (160 km.) gara che nel 2013 già lo vide al terzo posto. Trova posto alla Challenge Mallorca anche l’esordio tra i “grandi” del pordenonese Seid Lizde che si è accasato nella nuova formazione Continental, di identità irlandese, la EvoPro Racing. (G.D.F.)

La Vuelta 2019: finale a Madrid

sabato 22 – Presentata a Alicante La Vuelta 2019, 74^edizione della corsa a tappe spagnola che si svolgerà dal 24 agosto al 15 settembre 2019, con partenza da Salinas de Torrevieja (cronosquadre), prima di tre tappe nella Costa Blanca, e conclusione a Madrid. Con una distanza complessiva di 3.272,2 km, la competizione ha 8 arrivi in salita, 5 dei quali sono inediti. 6 le tappe pianeggianti, 7 quelle di montagna, 4 di media montagna, 1 cronosquadre e 1 crono individuale. Sconfinamenti previsti: uno ad Andorra ed uno in Francia per un’importante cronometro individuale a Pau. Di seguito tutte le tappe.

Leggi tutto “La Vuelta 2019: finale a Madrid”

Freni a disco per Matteo Fabbro

Katusha Alpecin è Il team dove corre il professionista di Codroipo

La formazione di professionisti ha deciso di utilizzare i freni a disco in tutte le manifestazioni. La squadra composta da 24 uomini, ha da poco concluso il ritiro di una settimana sull’isola di Maiorca dove ha potuto mettere a punto i setup delle nuove bici da gara Ultimate CF SLX e Aeroad CF SLX equipaggiate con freni a disco e componentistica SRAM. Durante le ultime tre stagioni i freni a disco hanno preso sempre più campo all’interno del “gruppo”, una tendenza che, dopo una prima perplessità, ha visto sempre più ciclisti adottarli grazie alla loro capacità di frenata controllata e decisamente più sicura (soprattutto quando piove) rispetto ai freni tradizionali.